MESSICO E ANCORA MESSICO



Proprio mentre parlavamo di Messico, l'editore La Nuova Frontiera ha fatto uscire in libreria  Proiettili d'argento, un noir dello scrittore messicano Élmer Mendoza, tradotto da Pino Cacucci. 




PRESENTAZIONE DELL'EDITORE

Il romanzo racconta la storia di Edgar Mendieta, che viene chiamato "El Zurdo" e non saprebbe spiegare perché è diventato poliziotto. In cura dallo psicoanalista per sanare un trauma dell'infanzia, tenta, invano, di smettere di bere e di dimenticare l'unica donna che abbia mai amato. Quando un giovane e brillante avvocato, Bruno Canizales, viene trovato morto, Mendieta, sulla scia di un misterioso profumo, inizia a investigare su un caso che, pagina dopo pagina, si riempie di nuovi morti e di nuovi personaggi. Fra innamorate e innamorati gelosi, ballerini, travestiti, donne bellissime più o meno legate alla mala, politici e narcotrafficanti, poliziotti corrotti e citazioni letterarie, sullo sfondo di una città modernissima, se, come dice lo stesso autore, «la modernità di una città si misura dalla quantità di armi che rimbombano per le sue strade», Mendoza aspira a che «i lettori abbiano paura di morire prima di finire il libro». Con intelligenza, ironia e una straordinaria esplorazione linguistica dei bassifondi messicani, l'autore costruisce una storia avvincente e memorabile e il lettore è trascinato attraverso una spirale di violenza verso un finale che stupisce e non concede pace.
 Proiettili d'argento ha vinto il terzo premio Tusquets, che è stato assegnato a Mendoza durante la fiera di Guadalajara, quando i giurati hanno sottolineato «la rabbiosa modernità nell'uso del linguaggio, nella struttura narrativa contaminata con gli ultimi linguaggi televisivi, e nel ritmo indiavolato che, come nel miglior romanzo classico, non dà tregua al lettore fino al suo esito finale».


0 geo-commenti:

Posta un commento

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.