SULLE TRACCE DI...diario semiserio di autori e ispettori che ho amato



Madame sapeva che non avrebbe più incontrato il malinconico ispettore M.O. nelle pagine di un libro. 

La sua creatrice era ahimè deceduta prematuramente e M.O. era scomparso con lei.








Si era sentita afflitta, ancor più di quando aveva appreso che non avrebbe più letto di  M.B. (forse). No, mi correggo, molto di più.
Nel frattempo però, Madame doveva preparare i bagagli per il suo viaggio in India. Decise quindi di documentarsi sulla sua meta, com'era solita fare, e cadde sopra G.S. 
"Perchè cadde?", direte voi. Semplice: viene dall'inglese "fall... in love".

Calatasi nelle atmosfere che pervadevano i libri sull'ispettore anglo-indiano dagli occhi azzurri e colpita dal fatto che ciò che leggeva, veniva puntualmente ritrovato nella realtà durante il suo soggiorno in quella terra lontana, lesse tutti i gialli avidamente finché, giunta all'ultima pagina del terzo, decise di scoprire se l'autore avesse intenzione di scriverne un quarto.

Con suo grande sconforto, non solo scoprì che i romanzi con G.S. si fermavano al numero tre (esattamente come quelli con protagonista M.B.), ma che, a differenza dei due scrittori precedenti che sapeva essere entrambi deceduti, il creatore di G.S. non era morto. 
Peggio! 
Era scomparso nel nulla, la biografia lo dava saltare da un continente all'altro, finchè, dopo un lungo periodo australiano, le fonti erano discrepanti: alcune dicevano risiedesse negli Stati Uniti, altre in Canada e la sua unica foto era una non-foto.
Cosa c'è di peggio di una morte se non lo sprofondare nell'abisso del nulla?

Devastated, o ancor meglio bouleversée (come dicono i francesi) dalla scoperta e ormai al culmine della disperazione, Madame si ricordò di J.S.. 
Aveva letto solo un romanzo che lo vedeva protagonista, ma prometteva bene e Madame in queste cose aveva fiuto. 

Valutò la situazione:
- il creatore di J.S. era vivo e vegeto,
- J.S. era appena apparso in un secondo libro (non eravamo ancora al nefasto numero tre),
- il romanzo era uscito da pochi mesi in India e lei, guarda caso, era lì.

Madame uscì dall'albergo con un elenco di bookshops che si era fatta scrivere dalla receptionist, chiamò un tuk-tuk e partì alla ricerca del romanzo.


Vi chiederete se l'ha trovato vero?  

0 geo-commenti:

Posta un commento

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.