BE A METROHOLIC!!


Source:Nelasan Sett 2010

"Be a Metrohoiic" è la scritta affissa fuori da Sino Plaza Shopping Arcade in Goucester Road, nel Causeway Bay District di Hong Kong.  


Source: Dan Choui

Il cartellone si trova di fronte ad uno dei tanti cavalcavia pedonali su cui si sposta chi prende la metropolitana, chiamata qui MTR, acronimo di Mass Transit Railway.
Infatti, paradossalmente, i pedoni che utilizzano questo mezzo di trasporto, si spostano non sul livello stradale, ma

entrano ed escono dal primo piano dei grattacieli collegati tra loro da ponti coperti per raggiungere i punti in cui scenderanno nel sottosuolo per raggiungere le stazioni della metropolitana.

La libreria, molto accogliente, offre libri sia in lingua cinese che in inglese.

In una metropoli shopaholic fa piacere veder coniato questo termine per chi è lettore compulsivo.
Compulsivo, tuttavia, non del genere di romanzi che scrive Sophie Kinsella.... 
Non diteglielo, non capirebbe.


Se poi, anziché fare la fila per acquistare l'ultimo modello griffato senza nemmeno provarselo, come fanno i cinesi che arrivano a Hong Kong da altri Distretti, siete interessati ad approfondire il lato letterario, potete anche visitare il tempio in Hollywood Road, risalente al 1847 e dedicato ad una delle divinità più popolari della metropoli. Man Tai/ Man Cheong, il Dio della Letteratura.


Tempio in coabitazione con Mo Tai/Kwan Tai, Dio della Guerra e protettore dei soldati e delle forze di polizia.


Appartenendo alla pronuncia Cantonese delle parole Cinesi, il tempio è chiamato "Man-Mo Temple", in cui l'ideogramma , sta per letteratura e si pronuncia  "Man"; e 
, o  arte della guerra, si pronuncia "Mo".





I densi fumi degli incensi da cui si viene investiti appena entrati nel tempio e che dal soffitto incombono nella parte centrale del tempio fanno quasi lacrimare. 
Una volta passata questa densa nube, ci si trova al cospetto delle divinità. Anche se non si è in grado di leggere le scritte, si intuisce qual è il Dio della Guerra per l'aspetto feroce del volto.
I doni votivi offerti, che si trovano sul tavolo antistante l'altare sono dei più disparati. Si può vedere, come mi è capitato, un pollo intero completamente spennato, frutta varia. Ma la stranezza più grande è stata vedere 6 susine ancora perfettamente confezionate nel vassoio con coperchio trasparente e con ancora l'etichetta del prezzo del supermercato...
Chissà se in Cina è giusto in questo caso lasciare il prezzo per un dono votivo...

0 geo-commenti:

Posta un commento

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.