LE PELLETEUR DE NUAGES, ADAMSBERG E IL METEO

Dopo il post su Serge Quadruppani, in cui citavo il suo giudizio sui libri della collega Fred Vargas, di cui, diceva, lo facessero dormire, avevo il dovere morale di parlare anche di lei. 
Tributo dovuto, visto che i primi libri con protagonista il Commissario Adamsberg sono stati per me una piacevole rivelazione.


Per uno strano caso della sorte però

mi sono ritrovata a parlarne consigliando ad un amico proprio il libro che, fra tutti, mi è piaciuto di meno, cioè l'ultimo.


Motivo presto detto: siamo partiti conversando sull'edizione GialloLuna NeroNotte di quest'anno e sulla mia perplessità di assistervi, visto che il leit motif di questa edizione saranno i vampiri. 
Il mio amico, invece, è divoratore vorace (aggettivo azzeccato) di questo genere.  Da qui il mio consiglio di leggere l'ultimo di FV, Un luogo incerto, che inizia col ritrovamento di diciassette piedi mozzati (otto coppie e uno singolo) ancora calzati nelle loro scarpe davanti al celebre cimitero inglese di Highgate e ha come protagonista i vampiri, anzi uno: Pierre Plogojowitz, presunto vampiro serbo del XVIII secolo




Fred Vargasnom de plume per Frédérique Audouin-Rouzeau (7 giugno, 1957)  è  parigina, esperta di storia medioevale e ricercatrice di archeozoologia, suo uno studio sui meccanismi di trasmissione della peste dagli animali all'uomo, che si ritrova in uno dei suoi libri più famosi. 
Il nome che usa come pseudonimo è diminutivo del suo di battesimo, mentre il cognome è quello usato da sua sorella gemella, Joëlle (Jo Vargas), pittrice contemporanea, che lo ha mutuato dal cognome del personaggio interpretato da Ava Gardner nel film La contessa scalza.
Famosa per scrivere le prime stesure dei suoi gialli durante il periodo di vacanza annuale di ventuno giorni, ha creato  vari personaggi polizieschi, come Armand Vandlooser e Ludwig Kelweihler, due ex-poliziotti, ma, fra tutti, quello che ha riscosso il maggior successo è senza dubbio il commissario di polizia del XIII° arrondissement di Parigi, Jean-Baptiste Adamsberg.
Originario dei Pirenei Francesi, Adamsberg è un poliziotto anomalo, pelletteur de nuages (spalatore di nuvole), lento, riflessivo, sfuggente. Sembra infatti spesso perdersi fra le nuvole, nelle sue passeggiate vicino alla Senna, finché non viene improvvisamente folgorato dall'intuizione geniale che gli permette di avvicinarsi alla risoluzione del caso. 


In realtà questa strana espressione, come spiega la scrittrice, proviene dal Quebec e calza magnificamente al personaggio che è "un ostinato della passeggiata e del sogno".


A fare da contraltare al commissario, il suo vice, Adrien Danglard, colto,  metodico e che spesso fatica a capire il caos e l'irrazionalità del suo superiore.
Purtroppo i romanzi della serie Adamsberg non sono stati pubblicati in Italia nel giusto ordine, qui di seguito quindi sono elencati secondo cronologia di pubblicazione in lingua originale:

1996 L'Homme aux cercles bleus (L'uomo dei cerchi azzurri - Einaudi, 2007)
1999 L'Homme à l'envers (L'uomo a rovescio - Einaudi, 2006)
2001 Pars vite et reviens tard (Parti in fretta e non tornare - Einaudi, 2004)
2004 Sous les vents de Neptune (Sotto i venti di Nettuno - Einaudi, 2005) Duncan Lawrie International Dagger 2007, assegnato dalla  britannica Crime Writers Association
2006 Dans les bois éternels (Nei boschi eterni - Einaudi, 2007)
2008 Un lieu incertain (Un luogo incerto - Einaudi, 2009)
Nel post del 22-09 citavo anche come ogni suo rompol, (sincrasi di roman e polar per i francesi) sia considerato décalé, non convenzionale. 
La Vargas va, insomma, controcorrente. 


Se da più parti si decanta la funzione del noir come nuova forma di romanzo sociale, lei invece se ne estranea totalmente e pur sviluppando le trame ai giorni nostri, non le rende mai riconducibili alla cronaca. 


  I suoi sono spesso personaggi atipici, quasi estranei alla realtà razionale o al quotidiano, sospesi come fuori dal tempo. 


Spiace che, dopo tanti Ispettore Barnaby e Commissario Rex, la tele nazionale non abbia acquistato i telefilm di France2, tratti da questi romanzi; sarebbe stato interessante vedere trasposti in video alcuni dei suoi protagonisti meno convenzionali. Ce ne sono tanti:  indimenticabile il banditore del quartiere popolare di Parigi, che declama i messaggi ricevuti da uno strano untore, che vuole seminare la psicosi della peste in Parti in fretta e non tornare. 
Oppure l'ipotetico lupo-mannaro ne L'uomo a rovescio, o ancora la figura dell'anziana hacker che aiuterà Adamsberg a smascherare le Segneur (il signore), giudice nemico giurato del commissario, sospettato essere un killer seriale ne Sotto i venti di Nettuno.


Per non parlare  dell'insolita svolta delle indagini che, nello stesso romanzo, non deriva da un'elaborata ricerca di laboratorio, ma da un gioco da tavolo di origine cinese, il mahjong.




Da qui fino ad arrivare all'ultimo romanzo dove, pur rimanendo un poliziesco, si oscilla fra il paranormale e il fantasy.
  
Dicevo non mi ha convinto, ma si sa, scrivere un rompol décalé ambientato ai giorni nostri, ricreando sempre situazioni originali da cucire addosso ad un personaggio vincente, non è sempre facile. 
Un po' come indovinare che tempo farà la prossima settimana...mia...di vacanza. 
Non è facile. 
Certo se esistesse uno spalatore di nuvole, sarebbe meglio.


4 geo-commenti:

  1. Mi sembra che devo cercare questo(a) Fred Vargas! Mi ha incuriosita...
    Come riesci a leggere così tanto e così rapida!!!!
    Complimenti
    baci

    RispondiElimina
  2. Ciao MJ,
    a dire il vero, questa scrittrice l'ho scoperta già da parecchi anni. Comunque, ti posso assicurare, che si legge rapidamente, soprattutto i suoi primi romanzi e non perché se ne faccia una lettura superficiale, anzi! Diciamo perché...os livros dela te tem "agarradinha"na cadeira. Avrò scritto bene? Chissà! ;-) Bye&besos

    RispondiElimina
  3. Muito bem. Vou procurá-la...
    Já li os outros posts, tu é que és muito rápida... e fico sempre com curiosidade de ler os escritores de quye falas! TRuman Capote eu adoro já!
    Beijinhos e vai ver as Ladies da Canção Italiana, já as pus...

    RispondiElimina
  4. Olà MJ, vou para teu blogue. Até jà.

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.