O VEU ovvero LA VOGLIA...MATTA DI SCOPRIRE IL VELO

Ci sono paesi, nel mondo, di cui si sente parlare quasi quotidianamente. Ci sono paesi di cui siamo informati dettagliatamente sulla situazione politica, nel bene e nel male, ma di cui, salvo rare eccezioni o per eventi drammatici, conosciamo poco della loro quotidianità.


The Lion Gate (Louvre Museum)
In questo post, mi riferisco oggi in particolare all'Iran, l'antica Persia e per farlo vorrei partire da un libro che ho letto: O Veu, settima opera di Luis Eduardo Matta, pubblicato dalla casa editrice brasiliana Primavera Editorial, 528 pg.


Chi mi segue si è ormai abituato ai doppi sensi dei titoli dei miei post, come accade anche a questo.
Ne la voglia Matta sta dunque il bisenso, in quell'enorme desiderio di comprare un romanzo, il cui autore, Matta appunto, non è ancora purtroppo pubblicato in Italia ed è quindi stato reperito solo tramite le "acrobazie acquisitorie" della sottoscritta. Ci sono voluti tre mesi perché il libro mi arrivasse tramite un caro amico che pazientemente si fa carico di acquistarmi in loco i gialli brasiliani che poi mi fa avere al suo rientro in Italia. E qui apro una parentesi per ringraziare pubblicamente il paziente Adriano, autore fra l'altro di splendide foto, come quella di Rio qui sotto. LUIS EDUARDO MATTA alla presentazione del romanzo
Voglia Matta inoltre di scoprire il velo, perché il velo è appunto traduzione del titolo originale. Quanto poi allo scoprire, era mia ferma intenzione comprendere come poteva dipanarsi il mistero di un thriller che, partendo dagli ambienti del mercato dell'arte di Rio de Janeiro si lega a burrascosi episodi politici contemporanei a Teheran, passando per Ginevra.

RIO DE JANEIRO - COPACABANA (Source: A. Steccone)

TEHERAN (Source: P. Masturzo) World Press Photo Awards 2010

GINEVRA

E' sicuramente una sfida ardita scrivere all'interno di un thriller della complessa situazione iraniana alla luce degli eventi di questi ultimi 18 mesi (il movimento dell'Onda Verde e le proteste post-elezioni culminate con la morte della studentessa di filosofia Neda Agha-Soltan, la scarcerazione della giornalista Roxana Saberi, americana di origine persiana, e la vicenda non ancora conclusa di Sakineh Mohammadi Ashtiani). 
Tuttavia Matta riesce nella brillante acrobazia di trasporre su piani diversi una finzione con improvvisi squarci sul mondo reale, sapendo dosare sempre con giusto tempismo l'altalenarsi di questi due opposti livelli in modo tale da non allentare il ritmo incalzante degli eventi.
Ed è forse la stessa origine dello scrittore, nato a Rio nel 1974 da padre libanese nonché alla collaborazione ricevuta dal Professore Adnan Mazarei che rendono questo romanzo brasiliano un thriller di respiro internazionale, spiritualmente vicino a quelli di Ambler o di le Carré. 

Un romanzo che mi ha tenuta incollata alla sedia. 

Perché comunque parlarne in questa sede, se poi il romanzo non è tradotto in italiano?
Beh, in primis perché spero che qualche editore prima o poi se ne accorga (non certo tramite il mio blog) e lo pubblichi, perché il thriller merita e, in secundis, perché prossimamente parlerò dell'Iran, prendendo spunto dal libro, in puro stile gialli-e-geografie.

خداحافظی khoda-hafez ta farda
(traduzione: arrivederci a domani, in farsi)


4 geo-commenti:

  1. Mi piacciono le tue anteprime! Aspetto...

    RispondiElimina
  2. Ciao! Sono una brasiliana/italiana e conosco bene le opere di LEM - come gli chiamamo quá. É un bravo scrittore e O VEU, e credo che sia il suo migliore libro. Brava Nela, adorei ver isso aqui! Auguri, Barbara Cassará (Rio de Janeiro)

    RispondiElimina
  3. Holà Barbara muito prazer de ver que tens lido o meu blogue. Pra tua informaçao o LEM va lançar o novo livro em 2011 ou 2012 e jà tou a espera dele. Entretanto tenho que buscar os mais velhos, a ser 120 horas ou Connaçao Beirute Tehran, que achas seja o melhor?
    Grazie ancora del tuo commento auguri anche a te e a presto.

    RispondiElimina
  4. GOstei muito de ti... poderiamos ter mais acesso!!

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.