Di esempi da seguire e prestiti scaduti



Che la Grecia non se la passi bene economicamente non è una novità. Che il suo giallista più famoso, Petros Márkaris ne abbia già più volte denunciato le cause, anche.
Ora le ha anche introdotte nell'ultimo romanzo della serie con Kostas Charitos, dal titolo Prestiti scaduti.
Trama
L'ex direttore di una grossa banca viene trovato morto nel suo giardino: decapitato in modo netto, probabilmente con una spada. Qualche giorno dopo un altro direttore di banca, stavolta un inglese, va incontro alla stessa sorte: decapitato con un colpo netto. Il fatto che la seconda vittima sia straniera mette tutti in agitazione: viene chiamata Scotland Yard per aiutare il Nucleo Antiterrorismo: ma il terrorismo non c'entra nulla. Contemporaneamente compaiono sui muri di Atene, e a pagamento su un paio di giornali, annunci che incitano i cittadini a non preoccuparsi e a non pagare se si trovano alle strette per debiti con le banche. Non può succedergli nulla. Ovviamente, questo incitamento alla "disubbidienza finanziaria" crea grandissimo scompiglio e, a complicare le cose, seguono altri due omicidi con lo stesso metodo, la decapitazione.

Forse perchè i greci ci stanno simpatici, forse per quel luogo comune
Italiani-Greci, una faccia, una razza o forse perché anche noi siamo purtroppo in balia di furbetti che dilagano oltre il confine del quartierino rovinando tutto il nostro paese, fatto stà che vogliamo dare a questo popolo tutta la nostra solidarietà.
C'è chi poi ha scelto proprio questo paese per una vita alla voglio-vivere-così.

Atlantis Book è una piccola libreria che si trova a Oia, nell'isola greca di Santorini, di fronte al municipio, nella piazza principale sotto il castello. 

Aperta nel 2002 da Craig Walzer e Oliver Wise, mentre erano qui in vacanza, voleva ricalcare, nell'idea dei due americani venticinquenni, la Shakespeare & Company, libreria di letteratura in lingua inglese a Parigi.

La loro idea era di creare un porto di approdo per lettori e scrittori, dove si potevano intrattenere con un sottofondo di musica jazz, mentre davano un'occhiata all'eclettica collezione di libri sugli scaffali.

All'inizio l'attività era in passivo ed era gestita da un collettivo di artisti a rotazione, che vivevano nella libreria. Tuttavia, dopo alcuni anni, Atlandis Book iniziò a avere fama mondiale, tanto da essere inclusa nel 2005 nella lista delle 10 migliori del mondo dal quotidiano inglese The Guardian.

Oggi qui si organizzano pièces teatrali e proiezioni di cinema all'aperto.
Chi ci passa, spesso viene per curiosità o per scattare foto da quel luogo privilegiato dal panorama mozzafiato, sostando sui piccoli divani messi a disposizione.

 “Qualche volta la gente compra libri, altre invece entra solo per fare una foto,” dice un membro del personale.

 “Credo che stia diventando un punto di riferimento”.

Ne siamo convinti anche noi.

ATLANTIS BOOKS
OIA, SANTORINI
T.K. 84702
Cyclades
Greece

ΒΙΒΛΙΟΠΩΛΕΙΟ ΑΤΛΑΝΤΙΔΑ
ΟΙΑ, ΣΑΝΤΟΡΙΝΗ
Τ.Κ. 84702
ΚΥΚΛΑΔΕΣ
ΕΛΛΑΔΑ

6 geo-commenti:

  1. Finalmente un punto di riferimento meraviglioso!
    Vorrei proprio esserci :)
    Ciao Nela San,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Bella idea veramente! Tutto bello tranne la località (per motivi privati :))

    RispondiElimina
  3. Sono statava Oia, ma non ho visto la libreria.Pensa un po': mi toccherà a tornarci!

    RispondiElimina
  4. @Lara Sono tane le librerie di cui ho postato qualcosa, ma questa, così sul mare della Grecia è veramente da invidia.
    @Selene Se per motivi privati il posto non piace, si potrebbe in alternativa farne un 'altra. Io qualche luogo dove ubicarla ce l'avrei...
    @Grazia A te toccherà tornarci, per me invece, che non sono mai stata su un'isola greca sarebbe un valido motivo per andare. Basterebbe "sincronizzare" le partenze...
    Bye&besos a tutte

    RispondiElimina
  5. ho sempre sostenuto di non essere una lettrice di gialli ma leggendo il tuo blog mi devo ricredere: anche Markaris è uno dei miei beniamini, come Izzo.
    P.S. questa libreria Atlantis è strepitosa

    RispondiElimina
  6. @Dede Carissima, ormai mi conosci, i gialli che leggo di solito non sono molto cruenti, ne' molto CSI-scientifici, ma cercano sempre di delineare anche la parte sociale di un mondo vicino o lontano. Provo a spiegarmi con un'equazione cine-letteraria: Il film Mission Impossible sta ai gialli di Patricia Cornwell come Un tocco di zenzero sta a quelli di Markaris. Adesso puoi indovinare quali gialli prediligo. PS Il 2° romanzo Difesa a zona e la scena del traghetto sono un cameo irresistibile. Bye&besos

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.