IL SILENZIO DEI CHIOSTRI - UN PO' CLAUSTRUM-fobico

Titolo: Il silenzio dei chiostri (Orig. el silenzio de los claustros)
Autore: Alicia Giménez-Bartlett
Editore: Sellerio
Anno di pubblicazione: 2009
Traduttore: M. Nicola
Pagine: 527


Procedendo nella lettura dell'ultimo romanzo poliziesco di Alicia Giménez-Bartlett, la domanda che mi ponevo era:
" Epilogo a pag 523, il più lungo fra quelli scritti su Petra e Garzon, doveva battere un record?!"


Porsi una domanda del genere non è allettante. Non vuol dire che non si vede l'ora di finire il libro, per come può essere avvincente, ma, in questo caso, il senso era esattamente il contrario: si faticava a procedere nella lettura.
Il quesito successivo era:




"Sono cambiata io nelle mie aspettative giallistiche oppure è AGB che, annaspando alla ricerca dell'originalità a tutti i costi, si è troppo inclausorata?"


Non deve essere facile scrivere romanzi seriali e di questo ne diamo atto. Tuttavia inframmezzare episodi delle nuove vite coniugali dell'ispettore, convolata al matrimonio per la terza volta, e del suo vice, risposatosi dopo la lunga vedovanza, non crea abbastanza suspense e la buona caratterizzazione dei nuovi personaggi coinvolti così come gli ormai consolidati scambi di battute e punzecchiature fra i due protagonisti principali non è sufficiente a mantenere vivace una trama che, a volte, sembra avvolgersi su se stessa.
Per dirla nella lingua dell'autrice:
la trama criminal no me ha enganchado nada.


Per questo preferiamo fermarci qui e astenerci da un giudizio troppo negativo. Facendo silenzio, come invita il bambino, nell'azzeccata immagine di Vincent riprodotta nella copertina del romanzo e magari, con l'occasione di una gita in Catalogna, andare a visitare il Monastero di Poblet, descritto nel libro.







Attendiamo fiduciosi una prossima prova della sua eroina. 
In questa Spagna di indignados e crisi, siamo certi che il materiale per un nuovo giallo non le mancherà, d'altra parte non ha preso questi spunti anche Markaris sulla costa opposta del giallo mediterraneo?
Nel frattempo, per dovere di obiettività, diamo spazio alla stessa autrice per parlare del romanzo. Shhhhh.



4 geo-commenti:

  1. Più di 500 pagine ? O è stupendamente coinvolgente o la sensazione di claustrofobia è inevitabile.Per reggere dopo le 500 o si e Tolstoj o Proust. Altrimenti è meglio finirla prima...

    RispondiElimina
  2. @Grazia No, carissima, non è stato coinvolgente per niente. Non so se sia per la recente caduta o per la mancanza di coinvolgimento ma mi ha talmente spossato che prendo una pausa dal krimi-divano per leggermi un libro di Borges che ho ricevuto in regalo :-))

    RispondiElimina
  3. Ieri ho terminato il libro e condivido il tuo giudizio. Troppo lungo! Le ultime 100 pagine sono scivolate via in un attimo ma è mancata la tensione che dovrebbe caratterizzare un giallo. Certo però che una passeggiatina al Monastero di Poblet la farei volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Poblet sarebbe da visitare. Per lo meno in attesa di leggere la prossima "fatica gialla" dell'autrice, sperando che la sua lettura non sia altrettanto "faticosa".
      Bye&besos vitaminici. (di cui però so che tu non hai bisogno).

      Elimina

 

Geografie Blogganti

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.