Il Mystery che preferiremmo svelato

Mystery buyers may save Notting Hill's iconic bookshop


Questo il titolo in The Evening Standard sulla probabile chiusura di The Travel Bookshop, libreria di viaggi dal 1979  a Notting Hill e divenuta famosa per l'omonimo film (1999), con protagonisti Hugh Grant e Julia Roberts.


 Non parliamo di quella cinematografica divenuta icona, ma fatta ricreare dal regista del film, Mitchell, in un negozio d'antiquariato, con interni differenti, nella zona di Portobello (foto sopra).
Ci riferiamo a di quella reale, nel quartiere di Blenheim Crescent. (foto a fianco)




Se non si troverà un'acquirente in due settimane a partire dal 22 agosto, sarà costretta a chiudere, a causa di debiti per oltre 60.000 euro.

Simon Gaul, proprietario negli ultimi 25 anni e che attualmente risiede in Francia, l'ha messa all'asta a maggio, dopo aver constatato la mancanza di disponibilità dei figli nel proseguire l'attività.


La gente del quartiere si è mobilitata, così come Alec Baldwin, (nel film col ruolo del boy-friend della Roberts) così come letterati e poeti, ciascuno di loro offrendosi per lavorare gratuitamente un giorno alla settimana.


Ora sembra si profilino due high-profile potential buyers interessati all'acquisto.


Mentre attendiamo di vederli sbucare (come nella scena del film qui a fianco), il nostro pensiero va a Parigi, ad un'altra libreria, la cui favola-che-finisce-bene, potete leggere clikkando:


 to-be-read-or-not-to-be-read

3 geo-commenti:

  1. Speriamo quindi che il mystery venga svelato e si trasformi in una favola a lieto fine. Perché se poi l’acquirente finisse col trasformare una bella libreria come questa (non che ci sia mai stata ma, come sai, l’abbinamento libri-viaggi è il mio preferito) in una cosa commercialmente più appetibile, sarebbe un gran peccato.
    Ci pensi tu a tenerci informati sull’evoluzione della vicenda, vero?

    RispondiElimina
  2. Una libreria che chiude o che si trasforma in uno spazio commerciale anonimo e senz'anima nè personalità è sempre una perdita per tutti. Tengo le dita incrociate, speriamo bene.
    Saluti!

    RispondiElimina
  3. Che bella la libreria! Speriamo che vada tutto bene per questa meraviglia! Infatti una libreria chiusa è comme un' anima che muore un pò...
    Baci

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.