Ode alle Cinque Terre

(Source: Nela San)
Questa foto risale al 27 settembre 2010. 
Tredici mesi fa, il cielo minacciava pioggia come  il 25 ottobre scorso.
Eppure, sulla Via dell'Amore, gente e scolaresche ne percorrevano i tratti agibili fra un paese e l'altro, scattando foto, ammirando i lucchetti, riposandosi sulle panchine.

Quel giorno si poteva dire urla e biancheggia il mar, per impiegare un verso di carducciana memoria.

Ciò che alla viaggiatrice e a C. rimane di quella breve gita è la visione di piccoli scrigni come villaggi incantati. 
Senza auto, senza Mc Donald's e senza ipermercati. Solo case, piccoli negozi e gli abitanti con i loro sguardi affacciati al mare.
E forse qui sta proprio la magia e l'incanto che attirava anche in un inizio d'autunno tanti stranieri, dalle parti più strane del mondo, spagnoli certo, francesi sì, ma anche indiani e giapponesi, a parlare e a esprimere esclamazioni di ammirazione quando il treno da LaSpezia aprì il sipario al susseguirsi di queste meraviglie.

Per questo, per tutto questo, per dove i miei passi mi hanno portato e per quello che invece ho visto scomparso nelle foto di questi giorni, dedico questo post alle Cinque Terre con una poesia di uno dei poeti stranieri che vissero in Liguria. 


TI VIDI PIANGERE


Ti vidi piangere: la grande lacrima lucente
Coprì quell'occhio azzurro
E poi mi parve come una viola
Stillante rugiada.

Ti vidi sorridere: la vampa di zaffiro
Accanto a te cessò di brillare;
Non poteva eguagliare i raggi che affollavano
Vividi quel tuo sguardo.

Come le nubi dal sole lontano
Ricevono un colore intenso e caldo
Che a stento l'ombra della sera vicina
Può cacciare dal cielo,

Quei sorrisi infondono nell'animo
Più triste gioia pura;
Il loro sole lascia dietro un fuoco

Che risplende sul cuore.  


(Source: Nela San)
(Monterosso by Nela San)

(Monterosso ieri- Source Il Sec XIX)

(Monterosso - Source Nela San)

(Vernazza - Source: Nela San)

(Vernazza - Martedì 25/10/2011)

(Vernazza - Source: Nela San)

(Vernazza oggi)

8 geo-commenti:

  1. Nessun commento.Solo tanta emozione e commozione per luoghi che ho amato e che amo.Grazie.

    RispondiElimina
  2. Mi spiace molto non esserci mai andata prima. Sono sempre in giro in Asia e perdo le bellezze italiane. E' imperdonabile. Sono fiduciosa però sulla possibilità di resurrezione, come una fenice

    RispondiElimina
  3. Ci andavamo sovente da giovani, poi chissà perché, non ci siamo andati più anche se ogni anno ci dicevamo che saremmo tornati, prima o poi. tanto mica scappano le Cinque Terre. Pensi sempre che il mondo resti ad aspettare te e quando ti accorgi che non è così che funziona ti senti ancora più smarrito.

    RispondiElimina
  4. SONO ADDOLORATA, E' UNO DEI POSTI AL MONDO DOVE SONO STATA + FELICE.

    RispondiElimina
  5. @Grazia come non darti ragione, io per un momento avevo un groppo in gola, come mi capitò vedendo Firenze travolta dall'Arno.
    @Sonia Certo, anch'io voglio sperare nella resurrezione e aver visto le foto di tanti giovani ragazzi simili agli Angeli del fango dell'alluvione di Firenze, mi fa ben sperare. Quanto ai viaggi, beh sono sicura che verrà un tempo anche per quanto abbiamo in Italia (almeno te lo dico per esperienza personale)
    @Dede Ho visto i filmati dei tumultuosi corsi di fango per le strette vie dei paesi. Il termine che hai usato (tanto mica scappano) è molto azzeccato. Qui si è veramente assistito al fatto che rischiassero totalmente di scappare verso il mare. Lo smarrimento è stato tanto!
    @Ilaria Se hai avuto la fortuna di abitarci, starci o anche solo di passarci, posso veramente capirti!
    Bye&besos a tutte

    RispondiElimina
  6. Io non sono mai stata in quei luoghi e ne ho sempre sentito parlare come di luoghi incantati, sospesi in una dimensione magica, di rara bellezza.
    Ma ho visto lo sguardo dolente del coniuge che guardava le immagini in tv l'altro giorno, del coniuge che è andato spesso lì quando era bambino, e ho capito che si è davvero consumato un crimine.
    Spero però nella rinascita, anche se qualcosa è andato perso per sempre, credo.
    Bello e commovente il tuo omaggio, Nela San.
    Saluti affettuosi

    RispondiElimina
  7. Anche io mai stata alle Cinque Terre, e questo post è di una bellezza struggente. Grazie Nela!

    RispondiElimina
  8. @Duck Sì, vi capisco e come già risposto sopra, credo nella rinascita, quella dei volti dei giovani che sono andati là a spalare. Mentre ai politici, andati a sparlare, chiedo solo di sparire!
    @Clara Grazie a te, Clara, sapere che il post è per te di "bellezza struggente" mi riempi di grande felicità!
    Bye&besos

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.