Affacciarsi a facebook oltre l'Oceano

(Licia Maglietta) 

In campo cinematografico, fra le tante certezze, ce ne sono due che per la viaggiatrice sono immutabili da quando lei si può ricordare di seguire il grande schermo.

A - non ha mai capito il mito Marilyn Monroe;
B - il ruolo che impersona Licia Maglietta nel film Pane e Tulipani è il simbolo del riscatto che tutte le donne dovrebbero avere (nel lavoro, nella vita affettiva o in entrambi i casi).

Ebbene, il piccolo riscatto quotidiano della viaggiatrice è stato aver ricevuto i complimenti per il post di ieri dallo scrittore a cui ciò era dedicato.

Con riluttanza mi sono iscritta a facebook, snobbato per molto tempo e, in effetti, mi trovo molto meglio sui ritmi lenti di questo blog. 

Però, senza affacciarsi a facebook oltre l'Oceano, questo scambio di comunicazione fra lettrice (in Italia) e scrittore (in Brasile) non sarebbe mai avvenuto.

Quindi oggi mi sento un po' così, come la Maglietta. 

Se poi avessi una libreria come aveva lei nel film Agata e la Tempesta, sarebbe una favola! 
Alla faccia di Cenerentola!


12 geo-commenti:

  1. Non mi esprimo su FB perchè non ci sono mai entrata e non so neanche come funzioni. Mi basta sapere che ti abbia dato un momento di gioia vera.
    Relativamente a "Pane e Tulipani" siamo completamente d'accordo. La quadratura del cerchio. Trovare la libertà e un sentimento di amore puro in coppia . Solo nei film?
    p.s.
    sono pazza di Bruno Ganz, lo sapevi?

    RispondiElimina
  2. Posso farti i complimenti anch'io, al di là dell'Oceano?

    RispondiElimina
  3. @giacy.nta Sì, hai ragione parlando di momento di gioia vera e quadratura del cerchio. Pazza di Bruno Ganz?! Ma non eri pazza dii Battiston? A proposito, l'ho visto, Battiston intendo, a teatro...
    @Grazia da te i complimenti li accetto sempre volentieri, se poi hanno un così lungo cammino per arrivare...o è meglio dire nuotata?!
    Bye&besos ragazze!
    Stasera mi "immergo" nella 4a lezione di cinese. E, per rimanere in ambito acquatico, spero di non annegare.

    RispondiElimina
  4. Tutti e due. Mi piacciono decisamente "in carne" oppure magrissimi.No mezze misure. :-)
    p.s.
    Allora, dimmi di Battiston...

    RispondiElimina
  5. E brava Nela San, che i complimenti se li merita davvero.
    Posso cogliere la palla al balzo e dire che io sono pazza E di Battiston E di Bruno Ganz? E che i film di Soldini con Licia Maglietta sono tra i miei preferiti in assoluto? (bellissimo anche Le acrobate, che consiglio caldamente)
    Saluti!

    RispondiElimina
  6. Dio le fa e poi le mette insieme... Ciao ragazze di bocca buona!

    RispondiElimina
  7. @Duck già, è vero, anche Le Acrobate era un film su cui lessi in una recensione: "appartiene all'infelice categoria dei film che non si consumano, ma durano." Categoria infelice, forse, ma apprezzata molto.
    @Giacy.nta avrei preferito vedere Battiston nello spettacolo teatrale su O Welles. In quello che ho visto, faceva "comparsate" in uno spettacolo di un suo ex-compagno di classe (Sidoti) il cui titolo è "Genteinattesa". Oltre a Sidoti, suonava fra l'altro anche Marangolo, percussionista e sassofonista che ha suonato con Conte e Fossati. Generosità di compagno di scuola, anche se, ad onor del vero, Sidoti emergeva solo a tratti fra questi due grandi artisti (in tutti i sensi).
    Bye&besos

    RispondiElimina
  8. FB va preso con le pinze. Con la giusta "presa", funziona che è una bellezza: vuoi mettere il piacere di interagire in tempo reale con una persona (e che persona???) dall'altra parte del mondo? :)

    RispondiElimina
  9. Pane e Tulipani è un film meraviglioso, e io penso che il personaggio interpretato da Maglietta offra la prospettiva di "una seconda occasione" a qualsiasi persona abbia la sensibilità di capire e il coraggio di sperare, al di là dei generi e dei ruoli. Ciao,
    Marco

    RispondiElimina
  10. @TuristadiMestiere Sì, hai ragione ed in effetti "prendendolo con le pinze" si afferrano solo "i dettagli minuti" che interessano.
    @MilleOrienti Marco, condivido: in momenti un po' bui come questi, sapere che ci può essere la prospettiva di una "seconda occasione" è ciò che veramente ci vuole.
    Bye&besos e buona domenica a tutti

    RispondiElimina
  11. ciao cara Nela, allora complimenti per il riscatto e la soddisfazione!
    Agata e la tempesta mi è sempre piaciuto molto (e anche la Maglietta nei film di Soldini); e inoltre mi ci riconosco: anch'io fulmino spesso le lampadine!
    baci

    RispondiElimina
  12. @Elisa Grazie per i complimenti. Quanto alla Maglietta, sai che avevo dimenticato il particolare delle lampadine?! E dire che quando vedemmo il film, io e le mie amiche facemmo varie ipotesi sul suo significato recondito...
    Bye&besos e buona domenica

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.