Vacanza Empordà-nte: El Bulli

 "Ieri sera ho letto la... travel-novela del nostro Dalì tour.
Ripresami dallo stupore per il fatto che sono passati già tre anni devo, anche per questo, congratularmi con te per la tua invidiabile memoria.Attendo pertanto descrizione gita per El Bulli, uno dei momenti più spassosi, anche se allucinante, del viaggio.” 
La prefazione questa volta non è di scrittore ne' di cantautrice (post precedenti) bensì proprio di chi fu "autrice" del viaggio: la frase in arancio è di C., le altre che invece disse (e non solo lei) sul personaggio qui ritratto sono irripetibili. 
Chissà cosa avrebbe pensato Dalì, del suo gastronomico e altrettanto vulcanico coinquilino dell'Empordà, anche lui, a quanto pare, col pallino per l'uovo.  
Non ci è dato di saperlo. Ci è data invece opportunità di scrivere quello che le donne, pardon, le guide non dicono e quello che le donne (le nostre due) esternano.

Sulla via del ritorno al Can, dopo l'ennesima zingarata, le nostre due decisero per una deviazione al famoso ristorante El Bulli.
Il post questa volta, anziché in versione satellitare, avrà la versione C., anche se forse sarebbe meglio quella per non udenti...

- Visto che è presto perché non ci fermiamo a Roses e andiamo a snasare dov'è El Bulli?
- Sì, dai, almeno lo guardiamo da fuori, visto che non potremo mai permettercelo. Hai l'indirizzo?
- Ma certo!
- Scusa, - pausa - qui dice Cala Montjoi. Lo troveremo?
- Ma vuoi che a Roses non sia segnalato?! Sarà in una di quelle calette un po' nascoste a fianco del paese!
5 MINUTI DOPO
- Certo che Roses è proprio un cesso. Mi ricorda Lido Adriano.
- Adesso andiamo fino alla parte opposta del paese e vedrai che...ah, ecco il cartello, quello là marrone. Vedi che era segnalato!
10 MINUTI DOPO - ERTA STRETTA IN MEZZO A CASE
- Qui la strada sale! E come sale!
- Mah, sarà fuori l'abitato.
3  MINUTI DOPO
- Son finite le case.
- Andiamo un po' più avanti...non è che ci siamo perse il cartello?
- No, sono stata attenta. Salgo ancora, anche perché qui non c'è nemmeno il posto per far manovra.
- Là più avanti dove sono le mucche, sulla sinistra a fianco della strada, lì vedrai ci possiamo girare.
1 MINUTO DOPO - ZONA MUCCHE
- Faccio fatica a girarmi qui!
- Lo vedo, andiamo ancora avanti?
- Andiamo. 
- Sono finite anche le mucche...poi se per favore noi stai così sul bordo della strada...dalla mia parte c'è il burrone!
- Vuoi dire che guido male?! 
- Non sto dicendo questo... ma non voglio finire nel burrone!
- Se sto nel mezzo, con queste curve cieche, se arriva qualcosa dall'altra parte rischio il frontale! 
- Ma chi vuoi che venga in giù!
- Qualcuno dovrà pure passare da qui! Sennò il cibo al ristorante chi ce lo porta!
- Ammesso che siamo ancora sulla strada giusta per il ristorante...
- Ma se è l'unica strada che c'era!
- Sì, ma quando lo fanno vedere in foto, si vedono i cuochi lavorare con il mare sul sfondo, e qui siamo in alta montagna. Guarda qua c'è il cartello Cap Falcon!
- Sì giusto il cartello, ma adesso vedi che la strada scende.
- Se becco uno dei quei c..z..ni che hanno scritto la recensione senza parlar della strada per arrivarci lo fulmino! Quanti km avremo fatto eh?
- Ci deve essere stata per forza un'altra strada per arrivarci. Non mi dirai mica che quelli che ci vanno a cena fanno questa!
- Già pagano un sacco, bevono tanto, poi magari quando tornano, di sicuro se passano da qui vomitano.
- E buttano i soldi che hanno speso in conati. Sì dev'esserci per forza un'altra strada. Sennò come lo spieghi che non c'è più un cartello a segnalare quanti km mancano?
7 MINUTI DOPO - STRADA IN RIPIDA DISCESA NEL NIENTE
- Fermati un po'! Guarda quei due con l'Audi cabrio rossa, magari loro ce lo sanno dire dov'è!
- Ma se sono targati Vienna!
- Ma tu non parli tedesco?
- Ma non vedi che sono più persi di noi! Poi chissà che fanno lì sulla cresta del burrone, in mezzo al vento. Lasciamo perdere, adesso è una questione fra me e lui. Voglio proprio vedere dove ha messo questo c...zo di ristorante!
4 MINUTI
- L'insegna!
- Ah, vedi mo' che c'era un'altra strada!
- No, ti sbagli! Lì la strada è sterrata e finisce con quel dive center.
- Quindi mi stai dicendo che tutti ci arrivano da quella che abbiamo fatto noi?
- A meno di non arrivarci in barca. Visti i prezzi che fa il ristorante forse ci vengono solo quelli tipo Briatore.
- Che si anneghino tutti!
- Adesso quando torniamo indietro voglio proprio vedere quanti km abbiamo fatto!

Per la cronaca:
el Bulli non si vede dalla strada, quindi se anche ora fosse stato aperto (Adrià ha annunciato la sua chiusura per due anni, per trasformarla in una fantomatica fondazione), rinunciate al percorso in questione. 
Se proprio volete averne un assaggio, basta andare su Youtube. Nell'inverno successivo un giornalista di Striscia la notizia fece lo stesso percorso delle nostre due.
Non sappiamo se le mucche che a un certo punto compaiono nel filmato fossero le stesse incontrate dalle nostre due, ma quasi ci è venuto il dubbio che ci abbia copiato gli improperi che, durante i 13km e 300 metri abbiamo inanellato.
Insieme alle curve. 
Senza finire nel burrone o fare un frontale con una mucca o con i due Wiener-boy. 

“Queremos tener un lugar en el que ir con los amigos y que la gente respire la actitud gastronómica, que puede ser una croqueta o una tortilla de ostras" Ferran Adrià


6 geo-commenti:

  1. Di tutto mi immaginavo meno questo: un ristorante fantasma (e che ristorante!) e una strada da incubo. Meno male che siete tornate... e ora lasciate il famoso Adrià cuocere nel suo brodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene: nel suo brodo, anche se di "cucina molecolare"
      Bye&besos atomici.

      Elimina
  2. ho vissuto un'esperienza del genere andando in cerca delle terme di Wals, e neanche per fare il bagno, macchè: per vedere l'architettura. Chilometri in bilico su un burrone col cuore in gola e a ogni curva l'angoscia di dover lasciare questa valle di lacrime, per scoprire appena arrivati che dall'altro versante c'era praticamente un'autostrada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, allora mi capisci...
      Comunque: sono andata a vedere a cosa di riferivi. Pensavo fossero quelle che sembrano uscite dal progetto di un architetto amante dei Mondrian, ma quelle sono a Bad Blumau. Quelle invece che descrivi tu sono completamente diverse. Se non ci hai ancora scritto un post sopra, l'aspetto volentieri.
      Bye&besos curveanti

      Elimina
  3. Che cosa non darei per assistere dal vivo ad uno scambio come quello che hai descritto tra te e la tua amica C! Dille che ha una nuova fan, io.
    Saluti affettuosi
    (che poi, secondo me, non è che abbiate perso chissà cosa non trovando 'sto famoso ristorante, posso dirlo? L'ho detto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok vedrò cosa posso fare per un "live for Duck", nel frattempo, se ho tempo, ti posterò i commenti che fece nel prosieguo della vacanza (anche quelli meritano...)
      Bye&besos gala-ttici ( e qui c'è già un indizio...)

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.