Le smanie per la ville... per la viaggiatrice

(Sejong Boulevard - Ammiraglio Yi Sun-Shin - by Jason Michael Lang)

Si da' il caso che la viaggiatrice sia di nuovo in partenza.
Paese nuovo, e prima che, volando sempre più verso il Sol Levante, si ritrovi a Ovest, tipo un "Cristoforo Colombo" al contrario, atterrerà questa volta in Corea del Sud.

Sa già che farà fatica a memorizzare tutti quei dong, gong, sayong, e quindi dovrete portare pazienza.

La stessa che ha avuto lei nel leggere il giallo di un autore coreano, uno dei pochi tradotti nella nostra lingua.

Uno stralcio del libro:
"E' vero. Ma con il presente succede lo stesso. Che sia nel passato o al presente, mi sembra impossibile ritornare sul passato quando e' trascorso un certo lasso di tempo. Mi chiedo se non sia il nostro destino, un impedimento del quale non possiamo liberarci. Non posso assolutamente far cadere il muro del tempo.... I riferimenti per ritornare al passato appartengono alla memoria, ma la memoria non e'affidabile. A volte si cancella dietro un'oscurita', a volte crea illusioni e confusioni. Io sono da questa parte del tempo, inevitabilmente, e infliggo giudizi critici al passato."

Ecco, questo si legge a pag 39 del romanzo Interno coreano con sequestro di Yi Ch'Ongjun, pubblicato in Italia dall'editore indipendente ObarraO.
La viaggiatrice se ne e' ricordata dopo aver letto il post di valigiesogni.
Un titolo e una trama che sarebbe piaciuta a Ingmar Bergman.

Curiosità?
Il link alla sinossi e allo scrittore è qui.

Intanto la viaggiatrice pensa a che libro leggere.
L'ultimo di Qu Xiaolong? E' cinese, e si va in Corea...
Ci sarebbe quello del giapponese...no i giapponesi qui proprio non c'accezzeccano.
Basti pensare che la statua minacciosa in apertura è proprio stata eretta in onore dell'ammiraglio che ha sconfitto i giapponesi.
E ora che le guerre si dipanano su altri piani, non è che, dopo la diatriba fra i brevetti del tablet fra l'americana Apple e la coreana Samsung, alla viaggiatrice le confiscano l'iPad, atterrata a Seoul?


8 geo-commenti:

  1. Certo che un rschio per l'iPad c'è. E se ti comprassi un Samsung? Tanto là non costa nulla! Comunque, Samsung o iPad che sia non vedo l'ora di avere i tuoi racconti. Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso: l'iPad non è mio ma dell'azienda: sudato risultato di 5 anni di richieste. (e quando dico "sudato" so che puoi capirmi...)
      Abbracci anche a te

      Elimina
  2. Molto gemelline in questo periodo! Suggerire, un corso accelerato di coreano e lettura in lingua originale dei romanzi pubblicati nel paese, meta della viaggiatrice. La signora valigiesogni oggi si sente spiritosa. E, questa volta, non invidia molto la viaggiatrice, chè la Corea del Sud la intriga poco. Quasi niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che, dopo l'esperienza del corso in cinese, miseramente naufragata, quello di coreano non mi intriga per niente, così come il paese. Vediamo cosa ci riserva.
      Bye&besos

      Elimina
  3. Buon viaggio!

    E che la memoria sia con te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un augurio "geniale" che mi ricorda molto quel "che la forza sia con te" dal film Guerre stellari, Geniale, appunto, giacché il post parla di guerre e di memoria. La simbiosi gemellare non sbaglia mai. Chapeau!

      Elimina
  4. Non amo molto la Corea del sud, e ti racconterò il perché davanti a un caffè o a un té in quel di Ravenna o in qualsiasi angolo della Romagna. Comunque sia, Buon Viaggio!, e attendo tue news.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sono tornata, ho letto il tuo commento e ovviamente sono curiosa di sentire i tuoi racconti ed anche di vederti. Ti scrivo per mail. Un buon fine settimana a te.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.