Impressioni di settembre

(Image by M. Van Dokkum)

Pur avendo passato da un po' la boa del mezzo-secolo, la viaggiatrice si reputa abbastanza al passo coi tempi. Un po' più al passo della gentil signora dell'immagine di Van Dokkum.

Detto ciò, ancora si stupisce, forse più di un bambino. Di sicuro più dei ragazzi che fanno la fila per comprarsi un iPhone 5. Ok ognuno spende i soldi come vuole, ma credo lecito possa insorgere qualche perplessità.

Non fu stupita, la viaggiatrice, nel vedere che in Corea si fa la spesa col telefonino semplicemente fotografando il QR corrispondente ad un trancio di carne fotografato in un manifesto affisso nelle pareti della metro o che, sempre col telefonino, si paga qualcosa senza usare la carta di credito.

Altro ricevere una mail di questo tono, proveniente da uno scrittore colombiano con cui avevo scambiato corrispondenza in passato:
My regrets for this sudden request, I have been involved in a robbery during my trip to Edinburgh, Scotland. I got mugged and all my belongings cash, mobile phone and credit cards were all stolen.  I need your help as am trying to raise some money so I can get back home on the next available flight.
 
I've made contact with my bank but they are not providing a fast solution. I need you to lend me some money to sort my self out of this predicament, will pay back once I get this over with.

Please let me know if you can assist me in anyway so i can forward you details to effect a transfer.

Dopo due giorni, ovvero ieri, è seguita un'altra mail, da un altro indirizzo dello scrittore, il quale spiegava che l'altro suo indirizzo di posta era stato hackerato e, ovviamente, pregava di non rispondere o mandar soldi, perché non gli era accaduto niente di quanto scritto nel messaggio precedente.

Stupore, lecito, della viaggiatrice.

Per un colombiano hackerato, un arabo con il senso dell'umorismo e del dovere morale.

Impiegando le ultime meraviglie della comunicazione - Skype - la viaggiatrice trattava ieri di un'importante fornitura con un cliente arabo. 
Durata della comunicazione/chat via Skype: 1 ora e 10 minuti. 
Fra un invio di fiori virtuali (da parte sua), battute e espressioni  del tipo "with this price you kill me!" (ma non è nell'indole della viaggiatrice uccidere -quasi-nessuno), la trattativa è stata sospesa una volta, perché l'interlocutore doveva fermarsi per la preghiera del venerdì.

Stupore della viaggiatrice che dovrà iniziare a leggere anche gialli arabi, per capire questo lato del mondo che non conosce.

Ma, domanda lecita: esistono giallisti arabi? 
Esistono, esistono. Pochi, ma esistono.

 

9 geo-commenti:

  1. Cara Nela,
    è evidente che nella vita tu non ti annoi mai! Tra mail di scrittori colombiani (anche io ne ho ricevuta una uguale, ma da parte di una signora da cui ogni tanto vado a farmi fare sedute di terapia craniosacrale, niente di tanto suggestivo quanto il tuo scrittore! - ovviamente la signora era del tutto ignara della cosa) e trattative via skype con devoti musulmani, la tua quotidianità sembra davvero molto più eccitante della media :-)
    Saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al contrario di quanto ho postato, mi verrebbe da dire che, qui, ormai, non c'è più niente di cui stupirsi, ma di sicuro mi sbaglierei nell'affermarlo. Bye&besos domenicali

      Elimina
  2. Sai che anche a me è successa la stessa cosa? Con il figlio di un nostro amico indiano. Siamo amici del padre, ma lui lo sentiamo raramente. E un giorno ci arriva questa mail in cui scriveva, sono in Europa e senza soldi, help. Naturalmente abbiamo capito che non era lui, e che era scam, spam, whatever. Ma ci abbiamo messo 5 minuti buoni a chiederci, ma è possibile? Un abbraccio e buone cose
    c.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto la stessa reazione: uno scrittore di sicuro prima di lanciare una mail del genere aveva altre soluzioni, anzi, forse non l'avrebbe neppure lanciata, coadiuvato dall'editore del paese in cui si trovava. Anch'ella domanda che vi siete posti, me la sono fatta anch'io, ovvero il senso, lo scopo e se veramente chi ha fatto questo credeva che qualcuno ci sarebbe cascato. Bye&besos domenicali

      Elimina
  3. Davvero, Nela, ha ragione Duck: il tuo quotidiano è pieno di colori. Oppure sei tu che sai cogliere il lato" colorato" della vita. E questo è un grande pregio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lato colorato della vita in un lavoro sempre molto grigio, e non parlo delle ormai svalutate e pacchiane sfumature editoriali del secondo colore. Bye&besos domenicali

      Elimina
  4. Tecnologia... Sai che, quando va via la luce, dopo un'iniziale sorpresa, sconcerto, mi prende un senso di quiete?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti., ci sono giorni che, quando arrivò a sera, spengo tutto, ma proprio tutto. Bye&besos

      Elimina
  5. Mi aggiungo anch’io alla lunga lista di persone che hanno ricevuto la tua stessa mail. Nel mio caso ne ho ricevute due. Entrambe in italiano; entrambe da semplici conoscenti con cui avrò scambiato in tutta la mia vita a malapena tre/quattro e-mail. Di letteratura araba non so nulla; un mistero, un giallo… Ecco, potrei iniziare giustappunto da un giallo arabo; illuminaci dai!

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.