La Spijkenisse di Dede e il chiodo fisso di Nela San


La viaggiatrice chiude due settimane intense, postando di una biblioteca segnalatale dalla blogger amica Dede di varie ed eventuali. Corre tuttavia l'obbligo di premettere che, all'interno del post, vi sono anche contenuti personali relativi alle due ultime settimane di Nela San. 
In stile gialli-e-geografie, a voi di scovarli.

Con una superficie di 9.300 metri quadri, la costruzione si trova nella cittadina di Spijkenisse. 

Il suo esterno richiama formalmente alla tradizionale fattoria olandese, in ricordo del suo passato di città agricola.
Perché poi non un richiamo al futuro?! Così magari impariamo ad usare i GAS e a smettere di stressarci con ipermercati, non solo come loro clienti, ma anche quali fornitori, a cui viene richiesto di approvvigionare prodotti e di sostituirsi nei lavori che sarebbero di competenza dei loro impiegati!



Il suo tetto spiovente vetrato lascia intravedere la piramide interna di libri, un percorso continuo di 480 metri tra gli scaffali fino quasi a toccare il tetto, con una caffetteria nella parte superiore con vista panoramica sulla città.
Bello! A noi, invece, ultimamente non ci è nemmeno permesso toccare il cielo con un dito...

Scaffalature ottenute riciclando vecchi vasi, economici elementi ignifughi atti a contenere libri e a costituire parapetti o banconi.

Con tutte le serre di verdure e fiori, la materia di riciclo qui non manca. 



La forma della costruzione è 
invito alla lettura, l’interno è visibile da tutti i lati dell’edificio, soprattutto dalla piazza del mercato, da cui appare come vera e propria montagna di libri.

All’interno dell’edificio un sistema di regolazione climatica basato su un'innovativa combinazione di calore sotterraneo, deposito freddo e ventilazione naturale sostituisce l'impianto di aria condizionata mentre un sistema di riscaldamento a pavimento ed i doppi vetri garantisce una temperatura stabile. 
Dopo tanta ariosità, la viaggiatrice pensa a una storica Facoltà dell'Università di Bologna, ove una persona molto vicina a lei ha discusso la laurea in un'angusta stanzetta, ove non era permesso ai genitori di assistere, ma - niente paura - vi presenziava una scala a pioli di alluminio appoggiata a un muro.

Spijkenisse si trova nei Paesi Bassi. Secondo l'OECD - Better Life Index  - "il 72% della popolazione dice che nel corso della giornata hanno più esperienze positive che negative"
Qui invece, succede il contrario.
Avendo ospite per il progetto Comenius, una studentessa francese per una settimana, la viaggiatrice scopre che:
- un'altra persona a lei molto vicina,  paga annualmente per l'abbonamento studenti più del doppio di quello francese, per di più per una tratta molto meno lunga;
- i libri di testo - anche degli istituti superiori - in Francia vengono forniti agli studenti dagli istituti dietro cauzione di 50 Euro, 
- il corso di scuola guida, organizzato per gli studenti francesi all'interno di istituti costa il 30% in meno della tariffa normale.
Sempre OECD: oltre il 75% della popolazione olandese fra i 15 e i 64 anni ha un lavoro retribuito. Lavorano 1377 ore annue, contro una media di 1554 in Francia e 1778 in Italia.
L'età del professore che accompagnava per il Comenius la delegazione olandese? 29 anni, già di ruolo.
Spijker in olandese significa chiodo. 

Non sappiamo se il significato etimologico di Spijkenisse derivi da questa parola.
Sappiamo invece che, in queste due settimane, il chiodo fisso della viaggiatrice è stato più di un ombroso pensiero ondivago. 
Fatte le premesse di cui sopra ed altre tristi da spiegare, la viaggiatrice è arrivata alla conclusione che l'Italia non è posto per vecchi, non perché lavorino più dei francesi o degli olandesi, ma per mancanza di esperienze giornaliere positive e di speranze di sbocchi differenti.
Ancor più non è paese per giovani, anche se ci sarebbe da augurarsi che Gramellini si sbagliasse quando scrive che:
" Ormai nel calcio ci siamo abituati a vedere emigrare i più bravi. Adesso cominciano ad andarsene anche i più buoni. E mica solo nel calcio, a giudicare dai tanti ragazzi orfani di raccomandazione che stanno lasciando l’Italia per cercare fortuna in Paesi dove parole come talento e onestà non suscitano ancora fastidio, piuttosto il brivido di un potenziale splendore".

Ma Gramellini difficilmente sbaglia le sue valutazioni.
La vecchia viaggiatrice si scusa per de zuurgraad del post medesimo e la chiusura sui giovani emigranti. Con l'augurio di un buon fine settimana. Comunque.

    

10 geo-commenti:

  1. La viaggiatrice ha poco da scusarsi. Un’amara signora valigiesogni con fegato ingrossato e gastrite di ritorno aggiunge che non è neanche un paese per età di mezzo, che continuano a chiamarci giovani solo perché abbiamo di fronte anni ed anni di contributi da versare (se non ci fanno schiantar prima). La biblioteca di Spijkenisse invece, con tutta quella luce, è meravigliosa. E sai che ti dico? Inizio questo weekend leggendo un po’ ché per fare la lavatrice c’è sempre tempo.
    Un caro abbraccio e buon fine settimana.
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti immaginavo che anche per una virtuosa età di mezzo, non vittima del rampantismo, le cose stessero così e hai ragione: la lettura è un buon antidoto. Sia alle miserie che ci circondano sia alle lavatrici (con successiva stiratura obbligata). Bye&besos di fine domenica

      Elimina
  2. Com'è bella e lumonosa questa biblioteca e come sono amari e giusti i tuoi pensieri! Li condivido tutti e speriamo che la luce e i libri di Spijkenisse possano aprirci la mente e fac capire qulae sia, davvero, la via giusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo il Medio Evo arrivò in Rinascimento. Solo che il punto è: quanto durerà il nostro?!
      Mi associo all'augurio che auspichi nel tuo commento.

      Bye&besos illuminanti

      Elimina
  3. Non è un paese per vecchi, non è un paese per giovani. Ci sarà ancora qualcuno a cui si il nostro disastratissimo paese si addice? Boh. Ai poster (senza la i) l'ardua sentenza. Nell'attesa della sopra detta sentenza, Varie ed Eventuali ringrazia sentitamente la viaggiatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella l'idea di lasciare ai poster l'ardua sentenza! Da domattina, sul tragitto pendolaratico (giusto per far rima con psico-somatico), vedo di pensarci...
      Anche a te i bye&besos di fine domenica.

      Elimina
  4. Nebbie eterne, ecco come stiamo messi.
    Stupenda quella biblioteca. Quando scappavamo dal Belgio e sconfinavamo in Olanda, tutto ci sembrava più bello (ed eravamo lucidi!)
    A presto, cara, e complimenti a tua figlia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sempre considerati il Medioevo come l'età delle nebbie e questo tuo considerare i nostri tempi alla stregua di nebbie eterne non fa che confermare il mio pensiero. Solo che questa nebbia ha ben poco del romanticismo che può avere quella della natura autunnale. Grazie per i complimenti e ha presto (ti scrivo una mail)

      Elimina
  5. Più che un commento ( hai detto tu perfettamente ciò che penso anch'io del nostro paese ), un plauso: per la figlia, per la mamma, per il post:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo dirti grazie, sperando di potertelo anche esprimere presto, in prima persona. Un grande grazie.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.