3 anni di Faceblog



anniversario [an-ni-ver-sà-rio] s.m.
  • • Ricorrenza annuale di avvenimento degno di memoria

Il 21 Marzo sarà ricordato perché nel 1848 un certo Marx e un certo Engels pubblicarono il Manifesto del Partito Comunista. 
Forse sarà ricordato solo dagli studiosi di storia e filosofia... 
Forse sarà ricordato?! Chissà.

In questa notte nevosa, alla vigilia di perplesse elezioni, l'immagine d'apertura potrebbe sembrare non attinente. 
Ma oggi ricorre una data importante anche per la viaggiatrice: il suo Blog, questo Blog, compie 3-anni-tre!

Non che lei sia come questa sfilatina dai capelli rossi, ma, come scritto, fuori nevica, bisogna comunque brindare all'evento e qui non manca nemmeno il caro compagno gatto.

Ora: perché nel titolo la parola Faceblog? Chi mi segue sa che mi piace giocare e manipolare (nel senso buono) le parole e questo anniversario è un po' particolare proprio perché nell'ultimo anno ho interagito con il Blog e con Facebook. Sì, so che c'è chi è andato oltre e sta già usando Twitter, ma è uno strumento che non è nelle  corde della viaggiatrice e malgrado l'immagine ritragga due pennuti, è simbolico il fatto che lei volti loro le spalle.

Oltretutto, titolare il post: "3 anni di Tweefaceblog o Factweeblog o Blogtwefac" sarebbe onomatopeicamente suonato male,  o avrebbe addirittura rischiato di suscitare interpretazioni scurrili, nell'ultimo caso.
Così niente Tweet!
I social Network sono una bella cosa, ma se anche Federico Rampini, in un suo celebre articolo durante la Festa di Obama si è chiesto se dovesse perdere i momenti salienti per tweetare o seguire il tutto per poi scriverne con calma, anche la viaggiatrice, nel suo piccolo, preferisce limitarsi ai primi due e continuare a scrivere nel suo blog,  comunicare con i suoi amici in questi due modi e tenere il prezioso tempo per leggere.

Per chiudere, in stile gialli-e-geografie, qualche giallo che racchiude nel titolo il numero 3.

Tre bare bianche di Antonio Ungar
Le tre stazioni di Martin Cruz Smith
Tre secondi di Anders Roslund & Borge Hellstrom
Donne fatali. Tre omicidi per Poirot e Tre topolini ciechi di Agatha Christie
Tre e sei morto di Janet Evanivich
I tre evangelisti di Fred Vargas
Tre misteri per Auguste Dupin di Edgar Allan Poe
Il tè delle tre vecchie signore di Friedrich Glauser
Il gioco delle tre carte di Marco Malvaldi
Tre delitti rituali di Jouhandeau Marcel
L'albergo delle tre rose e Il Mistero delle tre orchidee di Augusto De Angelis
Il crocevia delle tre vedove di Georges Simenon 
Tre delitti un'estate di Hans Tuzzi

Buona lettura a voi e buon compleanno al Blog.




7 geo-commenti:

  1. Buon compleanno a Faceblog! Sono contentissima di essere tra le amiche sia qua che là. Il mio faceblog ha più o meno la stessa età. Che ne dici di lasciare i due pargoli a una blog- sitter e di andare a festeggiare insieme con una birra (a Bruxelles) o con un bicchiere di spumante dalle tue parti)?

    RispondiElimina
  2. Tra i film mi viene in mente " le tre sepolture"

    RispondiElimina
  3. Lunga vita a Gialli e Geografie!! Cin cin e ancora cin :)

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti, grazie e scusate se non vi ringrazio uno ad uno. Fine settimana intenso, sabato io spalato, domenica io stirare (poi vado anche a votare, ma l infinito qui, come certi slogan, non c'entra niente)

    RispondiElimina
  5. Augurissimi!!! Anche se in ritardo.
    Proprio stamane, giunta in ufficio parecchio in anticipo, mi interrogavo su quanto mi distragga la rete. Perché, diciamocelo, quando non ho un pc davanti, leggo e scrivo molto di più. Durante il weekend, se accendo il pc “giusto per verificare una cosetta”, zac!, sono fregata. Parto dalla cosetta e tra la posta, i vari blog, uno sguardo su anobii ed è volata via un’ora. No, facebook no; e neanche twitter; condivido anch’io il pensiero di Rampini.
    Mi tengo solo blog e amichetti blogger, e il resto del tempo (poco, sempre troppo poco) dovrebbe servire per i libri e la riflessione.
    Auguri al geograficamentegialloblog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli auguri cara valigiesogni. Curioso vero?! Anche a me capita la stessa cosa se mi metto a pc, con un piccolo distinguo: lo faccio in ore notturne, con conseguente sottrazione alle ore di sonno, i cui risultati sono drammaticamente visibili sul viso il mattino dopo. Ma, come diceva un giallista milanese: "scrivere (e bloggare - aggiungo io) è la mia isola felice" In barba alle Maldive o Porto Cervo!
      bye&besos

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.