Di saggi e saggezza - Padre Brown, Chesterton e il Governo Italiano





Sarà il giorno, oscillante fra festività sacra e laicità della viaggiatrice, sarà la lombosciatalgia che la porta ad avere l'umore nero come il tempo, fatto sta che oggi Nela San pensava ai saggi.


sàggio1 agg. [dal fr. sage, che è il lat. *sapius, der. di sapĕre «avere senno»] (pl. f.-ge). – 

1. a. Riferito a persona, che è dotato di saggezza, che ha e rivela, nel comportamento, nel giudicare e nell’operare, oculato discernimento, moderazione, equilibrio intellettuale e spirituale, e una conoscenza delle cose acquisita soprattutto con la riflessione e l’esperienza: un vecchio s.; è un amministratore molto s.; essere, mostrarsi s.; la conoscenza degli uomini e del mondo rende saggi; (source Treccani- vocabolario)


Già difficile spiegare a uno straniero perché noi Italiani abbiamo a fasi alterne i governi tecnici, ora si dovrà spiegare che abbiamo sì un governo di tecnici ma anche due commissioni di saggi.

Lungi da lei imparare a memoria la formazione. Non lo faceva per quella dei ultimi mondiali, figurarsi. 
Poi la sua memoria è stanca e a volte le viene da pensare, in tono provocatorio, che forse l'Italia meriterebbe magari non un tiranno, ma una monarchia illuminata, tipo l'Agesilao descritto da Senofonte.

   Tutti sappiamo che Agesilao qualora pensasse di poter rendere un servizio alla sua patria non si sottraeva a fatiche, non si asteneva dai rischi, non risparmiava denaro, non adduceva come scusante il suo fisico e la sua età, riteneva invece compito di un buon re beneficiare il più possibile i suoi sudditi, Fra i massimi vantaggi che egli garantì alla sua patria c'è a mio parere anche il fatto che pur essendo l'uomo più potente della sua città mostrava chiaramente di essere sottomesso alle leggi.


In mancanza di Agesilao, ecco un detective e un giallo che propone il vocabolo saggezza nel titolo.

Nel giorno di Pasqua, coincidenza vuole che si tratti di Padre Brown,  creato dalla penna dell'inglese Gilbert Keith Chesterton.
La saggezza di Padre Brown, in particolare, è una raccolta di storie brevi fra cui, alcune, per vocaboli presenti nei titoli, fanno pensare alla nostra (triste) politica. (Evidenziati in grassetto)
Il Paradiso dei Ladri ,L'assenza del signor Glass, Il duello del dottor Hirsch L'errore della macchinaL'uomo nel vicolo, La testa di Cesare, La parrucca violacea, La morte di Pendragon, Il dio dei gong,L'insalata del colonnello Cray, La favola di Padre BrownLo strano deglitto di John Boulnoir
Scrittore e prete che non passarono inosservati nemmeno ad Antonio Gramsci. Nelle sue Lettere dal carcere, lo contrappone a Conan Doyle e al suo Sherlock Holmes.
"Il padre Brown è un cattolico che prende in giro il modo di pensare meccanico dei protestanti e il libro è fondamentalmente un'apologia della Chiesa Romana contro la Chiesa Anglicana. Sherlock Holmes è il poliziotto "protestante" che trova il bandolo di una matassa criminale partendo dall'esterno, basandosi sulla scienza, sul metodo sperimentale, sull'induzione. Padre Brown è il prete cattolico, che attraverso le raffinate esperienze psicologiche date dalla confessione e dal lavorio di casistica morale dei padri, pur senza trascurare la scienza e l'esperienza, ma basandosi specialmente sulla deduzione e sull'introspezione, batte Sherlock Holmes in pieno, lo fa apparire un ragazzetto pretenzioso, ne mostra l'angustia e la meschinità. D'altra parte Chesterton è grande artista, mentre Conan Doyle era un mediocre scrittore, anche se fatto baronetto per meriti letterari; perciò in Chesterton c'è un distacco stilistico tra il contenuto, l'intrigo poliziesco e la forma, quindi una sottile ironia verso la materia trattata che rende più gustosi i racconti.»
A questo punto, vista la doppia valenza spirituale e temporale di Roma, viene da chiedersi se non si potrebbe aggiungere alle commissioni dei saggi anche Padre Brown. 


(Scena di uno degli episodi riproposti dalla BBC nel 2013, l'attore è Mark Williams, location Glouchestershire).


4 geo-commenti:

  1. Chesterton era uno degli scrittori preferiti da Borges: basterebbe questo a farmelo amare, se non ci fosse anche il ricordo di una mitica serie televisiva con Renato Rascel. Quanto ai saggi e alla situazione italiana, è meglio astenersi da ogni giudizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono andata a rivedere qualche episodio di Rascel Padre Brown su YouTube, l'ho apprezzato di nuovo, come allora. Per fortuna che YouTube esiste, memoria storica di una televisione che non c'è più.

      Elimina
  2. La mia professoressa di inglese del ginnasio ci faceva leggere padre Brown e a quattordici anni mi chiedevo cosa ci fosse di tanto interessante; una decina di anni dopo mi sono appassionata alle indagini di Rascel e il giudizio tranchant si è di molto modificato, ora che mi dici che pure Gramsci se ne è interessato mi sa che dovrò per forza rileggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un po' di invidia per la tua prof di inglese, molto più elastica della mia che "stava" solo di Woodsworth, Coleridge e Shakespeare, tanto che per un po' usai al posto del "YOU" l'arcaico "THOU".
      Anyway: questo Gramsci che cita Padre Brown, anche per me, è stata una vera sorpresa.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.