Memo: Compleanno Alda Merini



anniversario [an-ni-ver-sà-rio] s.m. (pl. -ri)
  •  Ricorrenza annuale di un avvenimento degno di memoria




    Alda Merini  
    (Milano, 21-03-1931
    Milano, 1-11-2009)

    Può sembrare un gioco del destino, ma proprio nel giorno di inizio Primavera, dedicato anche alla poesia, nasceva chi, della poesia, è stata una delle nostre maggiori esponenti contemporanee.

    Amava i gatti. Tanti ne aveva nelle due stanze al secondo piano della sua casa sui Navigli. Tuttavia, non essendo riuscita a trovare nessuna foto con i suoi felini, ho pensato di omaggiarla con questo murale, apparso a fianco della sua abitazione, qualche giorno dopo la sua scomparsa. (source: La Repubblica)

    Non è qui postata per la poesia, non c'è altro da aggiungere a tutto quello  già detto e scritto su di lei, quanto, piuttosto, perché scrisse un romanzo giallo anche lei.

    Pubblicato da Rizzoli nel 2007, il noir di sole 96 pagine parte dal ritrovamento di una tibia in un giardino, per aprire una dissertazione quasi filosofica sul Male. La presentazione dell'editore parla di una teodicea visionaria e ispirata, moderna divina commedia che racconta di delitti quotidiani, fantasmi chiusi in soffitta, amanti diabolici e bambini crudeli, immersa nei giorni nebbiosi e qualunqui delle nebbie dei Navigli di Milano.

    “Il delitto perfetto non si vede, ma si sente. Si sente nelle viscere, nelle calamità dei giorni, nella scomparsa improvvisa di amici e parenti, che si comportano esattamente come quando ero in manicomio: non si facevano vedere, per vergogna, per umiltà o perché non gliene importava niente della tua morte. In manicomio si moriva; per esempio non c’era niente in manicomio che facesse pensare a una casa, era tutto straordinariamente essenziale, inutile e propagandava l’ospedale."

    Chi nacque nel primo giorno di Primavera scrisse, forse, dell'infernale inverno del cuore. 



4 geo-commenti:

  1. Un bellissimo ricordo di una poetessa tanto simile nel carattere a marzo e alla prima variabile primavera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione sulla variabilità, d'altra parte di una persona eccezionale si suol dire: genio e sregolatezza! Buon week end!

      Elimina
  2. A me mi sarebbe piaciuto nascere il primo giorno di primavera almeno una decina d'anni dopo,
    ma ormai è andata così.
    Comenque facciamo così, chi la vede pima di noi gli fa gli auguri anche per l'altra/o.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che giorno sei nato tu, in tutti i casi per una come me che si lamenta sempre di esser nata la Vigilia di Natale, tutto sommato è andata meglio di un altro parente, nato. Invece il giorno dei morti...
      Buon fine settimana anche a te!

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.