Lewinsky - cos'è per voi?


La parola "Lewinsky" cosa vi ricorda?

Pensate subito (e maldestramente) alla ragazza del manifesto, oggi quarantenne?
Siete fuoristrada, qui si  parla di questa Lewinsky.



Cosa c'è di strano - penserete - a parte un'illuminazione tipo bar da happy hours? Ecco la risposta:


"When a man's world fills with darkness, he reads a book and sees another world."
- S. Y. Agnon, Nobel Prize Laureate in Literature, 1966 -



Ebbene, la Lewinsky è una libreria a Tel Aviv. 

Il suo nome deriva dal parco in cui si trova dal 2009. Un parco prima retaggio della criminalità e degli spacciatori di droga.
Creata grazie al supporto dell'amministrazione di Tel Aviv e Mesila, organizzazione di assistenza agli immigrati, la biblioteca è aperta tutti i fine settimana, nel pomeriggio di venerdì, sabato e domenica.



Contiene 3.500 libri scritti in lingue che vanno dal cinese mandarino, tailandese, indi, nepalese, arabo, tagalog (parlato nelle Filippine), oltre all'ebraico e all'inglese, non suddivisi in zone diverse, rispondendo alla stessa regola per cui anche le persone non devono essere considerate diverse.


Gli scaffali trasparenti sono illuminati, così da evidenziare i libri anche di notte.

Per chi desidera leggere gli articoli su questo progetto, da cui sono tratte anche le foto del post, per quello in italiano clikkare qui e qui per quello in inglese.









6 geo-commenti:

  1. Così stasera imparo che esiste un altro (o un'altra) Lewinsky molto più bella della prima. Mi piace l'idea che nella disposizione dei libri non esistano confini, né differenze. Grazie anche per questa scoperta (ormai ho perso il conto di quante te ne devo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, devo confessarti che anche per me è stata una bella scoperta!
      PS non mi devi niente, sapessi come mi arricchisci tu, con i tuoi post meravigliosi!

      Elimina
  2. Bellissima l'idea di questa libreria ecumenica e magnifici gli scaffali luminosi. Mi amareggia soltanto il pensiero che a casa nostra un progetto simile non andrebbe molto lontano.
    P.S. Anch'io ringrazio e mi inchino, ma dove le trovi tutte queste meraviglie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione, da noi, probabilmente, avrebbero rubato i libri oppure preso a sassate le luci.
      Le meraviglie le trovo nelle mia divagazioni notturne nel web!

      Elimina
  3. Quando si dice che la notte porta consiglio! Ma non per tutti. Io quando mi sveglio in piena notte, al massimo accendo la luce e inizio a leggere, sperando poi di riprender sonno.
    Tu invece scopri delle cose meravigliose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona! Il problema è che quando sono a letto mi cala la palpebra e vado dritto fino al mattino. Ma anch'io ho avuto il periodo che mi svegliavo in piena notte. E non era "carino".
      Besos

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.