VVG Something che non vuol dire VeniViciGaudi...qualcosa

Equazione del giorno



汪麗琴 : a Taipei =



Sylvia : a Parigi.
Non riuscite a risolverla? La rendo più facile:

Grace Wang (汪麗琴): VVG Something (好樣本事) =

Sylvia Whitman : Shakespeare&Co.

Volete la versione poetica?

La seconda confessa di "viver dentro una fiaba", la prima invece: 
“We are now living in a too chemical society where people have forgotten the beauty of natural things and the importance of saving things. Beautiful things do not have to be expensive. The beauty comes from your attitude toward life.”


Grace Wang vive a Taipei e nel 2009 ha deciso di aprire VVG Something.
Come? Semplice! Siccome le piaceva leggere molto, un giorno si è chiesta: "Perché non aprire una mia libreria?"

Certe volte la viaggiatrice si chiede perché fra il dire e il fare non è altrettanto semplice nel suo paese. Ma andiamo oltre.

Il 2009 era un anno duro, di crisi economica, ma lei capì che doveva differenziarsi dalle grandi catene di librerie (come ad es. la Eslite, qui). 

Scelse dunque di offrire libri difficilmente reperibili nelle grandi librerie: guide di turismo, design, lifestyle e gastronomia, in lingua straniera. Tutto ciò che aveva raccolto durante i suoi viaggi.


Negozio di 40 metri quadrati, articoli vintage, preziose carte da lettera, vecchie macchine per scrivere, antichi lucchetti fino a più originali ...unghie artigianali di metallo.



Secondo il China Post, (Febbraio 2012), l'affascinante atmosfera di old-world grace non è dovuta a scelta mirata di design, quanto al risultato finale ovvero 



all'abitudine di collezionare cose belle di Miss Wang.







Cosa che inizia fin dalla porta d'ingresso, anche questa con una sua storia.



"Le porte rosse all'entrata - spiega Grace - erano in origine vecchie porte di un dormitorio femminile della National Taiwan University. Le acquistai quando l'università decise di ristrutturarlo. 



Quando poi decisi di aprire VVG Something, mi tornarono subito in mente. Sembrava come fossero state fatte apposta per il mio negozio."  

Il luogo scelto era la dispensa magazzino di un ristorante e poiché risultava poco spazioso per rivederne il design e si doveva procedere in economia, si optò per arredarlo con le suppellettili che da lei raccolte negli anni, secondo il suo gusto di home-living o, come ha scritto il China Post: "un museo dei viaggi della proprietaria e del suo modo di vivere" .

Da cosa nasce cosa e la nostra intraprendente Grace si è allargata al VVG B&B, definito boutique hostel di sole tre stanze, ma ognuna differentemente ispirata a quello che Mrs. Wang ha trovato (ho si aspettava di trovare) negli alloggi duranti i suoi viaggi nel mondo.

Miss Wang, permetta che Le dica: "La invidio molto!"

VVG Something 
No. 13, Alley 40, Lane 181, Section 4, Zhōngxiào East Road , Dà'ān District, Taipei

地址:

台北市大安區忠孝東路四段181巷40弄13號


Phone:

(02) 2773-1358


Nearest MRT:

Zhōngxiào Dūnhuà Station 忠孝敦化站


10 geo-commenti:

  1. Anch'io la invidio molto e mi chiedo: sarebbe possibile in Italia?

    RispondiElimina
  2. Miss Wang sappia che la invidio siceramente anch'io

    RispondiElimina
  3. @Grazia se mai tornerò a Taiwan, (visto che ci sono stata solo 6ore, di cui 2 trascorse a dormire causa jet-lag) vedo di andare a visitarla. Chiederò a Miss Grace se anche loro hanno IMU ,ICI, TARES, Consorzio Bonifica e accise per Terremoto di Messina. Se le hanno anche loro, allora SI PUÒ FARE! (Parafrasando la frase di Frankenstein Junior) Bye&besos

    RispondiElimina
  4. @Dede dunque siamo già in tre!

    RispondiElimina
  5. Ma sai che non è lontana dall'immagine che mi ero fatta di una libreria in stile gialli e geografie? Libri con una storia, libri che hanno viaggiato...
    Naturalmente il buon gusto di Nela San potrebbe correggere qualche nota stonata nell'arredo:)

    RispondiElimina
  6. @Giacynta ohhh che commento gentile! Adesso che mi ci fai pensare, non ho postato la foto della suppellettile che aveva la nota più stonata in assoluto.
    Ma in effetti sì, mi piacerebbe molto avere la possibilità di creare una libreria in stile gialli-e-geografie.
    AAA cercasi sponsor!

    RispondiElimina
  7. 84 Charing cross road?
    non so se l'ho recensito, se non l'ho fatto lo farò la prossima settimana
    Te l'avrai visto di sicuro.

    RispondiElimina
  8. @Massimo a dire il vero non l'ho visto, così aspetto di leggere la tua recensione, visto che ho letto di cosa tratta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo fatta, c'è e per te è un film da vedere.

      Elimina
    2. Allora me la vado a leggere! Grazie, Massimo!

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.