Biblioteca: un sostantivo femminile per l'8 Marzo


bibliotèca s. f. [dal lat. bibliotheca, gr. βιβλιο- ϑήκη, comp. di βιβλίον «libro» eϑήκη «deposito»]. – 
1. Raccolta di libri per uso di studio, e anche il luogo stesso (sala o edificio) dove si conservano (Source: Vocabolario Treccani)



Si inizia con quella del paese della viaggiatrice. La Comunale Carlo Venturini di Massa Lombarda era inizialmente nella casa del Dott. Venturini, acquistata nel 1881 per adibirla a piccolo museo e biblioteca personale, divenuta pubblica alla sua morte. 



Il 5 maggio 2007, la sede fu spostata in quella che fu la scuola materna dei figli della viaggiatrice.



Immaginatevi quindi la sua emozione nel vedere la trasformazione della sala centrale, in cui assisteva in passato alle loro recite, in zona di lettura.



Altre le biblioteche che in Emilia Romagna appaiono insolite, allegre o frutto di soluzioni architettoniche insolite. Eccone alcune.



Biblioteca Auris - Vignola (MO)
Inaugurata in data vicina all'Unità d'Italia, (giugno 1871), ebbe la sua prima sede nella Rocca cittadina. Quella attuale risale al 2006 e ha una fruttuosa collaborazione con un'associazione locale, LAG (Libera Associazione Genitori) finalizzata al prolungamento di orari e giorni di apertura, 2 volte alla settimana anche serali.



Dettaglio molto originale quello all'esterno della Biblioteca Comunale di Monzuno (BO). Suggeritami dalla blogger-amica Grazia, la ricerca di informazioni sulla biblioteca ha portato a una piacevole scoperta: le innumerevoli attività ricreative che organizza. Vedere su facebook per credere.

Se la Biblioteca chimico-biologica di Santa Maria delle Grazie a Ferrara, ha optato per un recupero rispettoso dei piani della chiesa e di un'ala del ex-convento del XVI sec,  



quella di Anzola Emilia (sotto), intitolata a Edmondo de Amicis (possiede alcuni suoi romanzi pubblicati negli anni Venti) ha vinto un prestigioso riconoscimento alla Triennale di Architettura di Milano, per come l'architetto Italo Rota ha saputo realizzare la fruibilità degli spazi all'interno dell'edificio storico del 1927.




Nella città della Ferrari, il progetto di riconversione nel 2011 di un ex-capannone è stato affidato a un architetto giapponese. Vedendo la MABIC di Maranello di Arata Isozaki viene in mente un giardino culturale zen.



Nulla è lasciato al caso: pareti trasparenti per favorire l'illuminazione naturale nella sala lettura, acqua esterna della vasca con uno strato di ghiaietto bianco sul fondo, a ridurre l'effetto isola di calore insieme alla vegetazione rampicante sui muri esterni, stessa funzione, oltre a quella di attenuare i rumori. 



Altra l'atmosfera che accoglie chi visita quella a Novellara (RE)

frase ad effetto, per un luogo ad effetto, la Comunale Malagoli è infatti  ospitata nella Rocca di Novellara, ma offre ai lettori anche luoghi di profonda intimità.


Dopo tante biblioteche emiliane, la viaggiatrice vuole concludere con due che sono l'essenza della Romagna



A Forlimpopoli, non poteva che essere dedicata a Pellegrino Artusi (prima foto Source: n!studio Ferrini Stella). La Civica è ospitata nel complesso storico della Chiesa-convento L'isolato dei Servi, ove ha ovviamente sede anche una Scuola di Cucina.

Ma quella a cui la viaggiatrice è più affezionata è la Biblioteca Classense di Ravenna

per chi non immagina il motivo, clikkare qui

In chiusura di post, si torna alla Treccani. 
Aldilà del fatto che ogni giorno le donne dovrebbero essere rispettate per quel che sono, la...grande bellezza di un complimento che potrebbero farvi è dirvi che siete una biblioteca ambulante.
Come cita il Vocabolario in questione:  
è una b.ambulante o vivente, di persona dottissima. 

7 geo-commenti:

  1. Biblioteca? Mai sostantivo fu più azzeccato per indicare tutto ma proprio tutto: le vite, gli amori, le passioni, il mondo, l'universo...
    Ciao. E grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, Attilio! Con l'augurio di un buon fine settimana.

      Elimina
  2. L'universo è una biblioteca o viceversa....lo dice anche Borges!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attilio e Borges: magnifici! Buona domenica, cara Grazia.

      Elimina
  3. Post meraviglioso dedicato ad un luogo che amo tanto. Non avevo mai riflettuto sul fatto che la biblioteca fosse “femmina”. Le biblioteche della mia zona sono lontane anni luce dagli ambienti di cui hai postato le foto. Eccezionali.
    Da noi (consorzio biblioteche dei castelli romani) ci sono a malapena due banchetti su cui poggiare i libri. Fortunatamente, nonostante gli spazi angusti e bui, i bibliotecari della zona sono persone splendide.
    Un abbraccio, mia cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono particolarmente contenta che ti sia piaciuto il post.
      (ti mando una mail). Un abbraccio anche a te.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.