Dietro le quinte di Quinto



Kate Moss fotografata fra gli scaffali di una libreria londinese per la rivista Allure, può anche non fare notizia (foto Drew Jarrett, Febbraio 1997).


Che la stessa libreria indipendente della foto, sia riuscita a non chiudere i battenti nel 2010, solamente spostandosi da Leicester Square, perché nella sua posizione ad angolo fra Charing Cross Road e Great Newport Street pagava un affitto troppo alto, potrebbe aver fatto notizia.


Il suo trasferimento al 72 di Charing Cross Road, fra l'altro, le ha fatto perdere un po' del suo precedente fascino architettonico esterno.

Ma ciò che in modo assolutamente sensazionale può fare notizia è cosa offre Quinto: i libri come décor. 

Avete bisogno di libri per decorare una parete? Li volete in pelle, classici o rilegati in tessuto? 
Quinto ve li fornisce, un'ampia gamma del 19° secolo che si può scegliere anche in base al colore e alle dimensioni, ovviamente. 

Trasporto gratuito su tutto il territorio nazionale dal loro negozio di Haye-on-Wye. Guarda caso, proprio la cittadina inglese del famoso Festival Letterario! 

"Provare per credere" recitava Guido Angeli nella pubblicità di Aiazzone negli anni '80. 

Qui si suggerisce invece: "Clikkare per credere" qui

Una sorpresa dunque, dietro le ...quinte di Quinto, per chi necessita di una sorprendente quinta. 





6 geo-commenti:

  1. Sentito con le mie orecchie: cerco un metro di libri rossi per la mia libreria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi casi, meglio definire anche il Pantone del rosso. ;-)
      Buon fine settimana Dede!

      Elimina
  2. Ma proprio vicino all'84 di Charing Cross Road
    quello del film con Anne Bancroft e Antony Hopkins!

    Negli studi fotografici ci sono libri per la scena che si comprano a peso
    e spesso si riescono a compore librerie coi colori che si vogliono
    e se peroprio non ci si riesce si colorano prima
    o, se si fanno foto digitali anche dopo lo scatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì proprio in quella strada! Pensa che una volta era nota proprio per le sue librerie, soprattutto di libri usati.
      Quanto a quello che hanno a disposizione negli studi fotografici, non mi stupisce. Quando ho letto di questo servizio, il pensiero è scattato alla famosa libreria dietro a B., quando fece il famoso discorso della sua deleteria discesa in campo.

      Elimina
  3. La domanda c'è evidentemente.. ( sob! ) ( e infatti ne anche visti, cavi, senza pagine, da un mobiliere ).
    bacetti, gemellina ( simpaticissimo l'inncipit del tuo post:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie gemellina per aver gradito l'incipit.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.