Quando un Horizonte può esser Belo per una Seleção

(Neymar Jr con il libro Barça_ Foto: MIGUEL RUIZ - FCB)

Senza ombra di dubbio Belo Horizonte rimarrà negli annali della storia del calcio, soprattutto in quelli del futebol brasiliano, su cui in questi giorni si riversano fiumi d’inchiostro per analizzare, spiegare, giudicare, incolpare o semplicemente per piangere (sembra stia diventando molto trendy) sulla sconfitta della Seleção Brasileira de Futebol ai Mondiali di Calcio 2014.

Dunque: Belo Horizonte, che molti giornalisti hanno imparato a pronunciare con quella "t" che diventa una "tsc",  come fanno i  Brazuca, che non è solo il nome del pallone di questo Mondiale, ma sinonimo di come i Brasiliani vengono soprannominati in certi paesi, soprattutto quando emigrano negli USA e in Europa. 

Qui non si scrive comunque l'ennesimo commento sulla storica derrota (=sconfitta), anche perché noi Italiani ne abbiamo subite da nazionali ben più insignificanti. 

La Seleção, selezione, di cui qui si parla, sono le librerie di Belo Horizonte, soprattutto quelle café librerie (e sono tante) luogo di ritrovo dei Brasiliani, amanti di calcio e non.

Le tradizionali


come la Livraria Scriptum


e le altre, come la livraria Quixote, livraria café


Floriano Livraria & Café 
Av. Consul Antònio Cadar, 147
Libreria bistro, appartiene al proprietario di Usina das Letras, a fianco del vecchio cinema Usina. 



Café & Livraria da Praça 
Rua Dom Joaquim Silvério, 656 - Coração Eucarístico


Lastro Café com Letras
Rua Antônio de Albuquerque, 781 - Savassi


Livraria Saramago
Avenida Bandeirantes


Offre colazioni con piatti ispirati agli scrittori.

Chi ha vinto i Mondiali? 

La Germania?! 

Kein Problem! 
Potete lasciare Belo Horizonte ma continuare ad esercitare la vostra pronuncia della "t" anche con un caffè tedesco: ein Tschibo!







8 geo-commenti:

  1. Ha chiuso
    L'Agostina ha chiuso la liberia
    vi dò questa cattiva notizia pensando che a voi dispiacerà
    ma immaginate che il suo e nostro dolore è ben maggiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso è un hotizonte preto, nero, e si mi spiace molto, perché in questi casi penso se ne vada un pezzo di patrimonio culturale, fagocitato da tasse insulse, crisi e Amazon.

      Elimina
  2. Ogni libreria che chiude è una perdita per tutti. Quelle di Belo Horizontsce per me sono una sorpresa inaspettata:immagino che ora potranno essere frequentate dai tifosi orfani della Seleçao: forse non tutto il male viene per nuocere. Tschùss!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, a volte le cose negative possono avere risvolti positivi. Il tuo saluto finale poi e perfettamente coerente con tutto il post, ooops, volevo dire il...postsch

      Elimina
  3. Bellissima idea, la libreria con colazione letteraria!

    RispondiElimina
  4. il tuo tocco e La Seleção si trasforma in qualcosa che non può mai deludere!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, Giacynta, vi confesso che la vista del Floriano mi piace molto!

      Elimina
  5. Immagino che sia difficile da commentare
    Femminista!

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.