Come arco tra i Sassi - Libreria dell'Arco - Matera

(Libreria dell'Arco - interni)
Probabilmente molti abitanti della zona in cui abita la viaggiatrice hanno assunto la stessa espressione che ha Miles Davis (ritratto nella foto) quando hanno letto che Ravenna aveva perso la candidatura a Città della Cultura 2019 a favore di Matera.

Ma visto il coinvolgimento e l'entusiasmo dei cittadini sui social, Nela San ne è contenta, a parte tutto.

Per chi avrà la fortuna di andare ad assistere alle tante manifestazioni, ecco un suggerimento per bibliofili:

la Libreria dell'Arco - Via Ridola, 37

dove, il 24 dicembre 2009, Mariolina Venezia, nata in questa città, presentò il suo primo giallo con protagonista Imma Tataranni: Come piante tra i sassi (recensito qui). 


Per gli altri, invece, suggeriamo il Virtual Tour nella libreria, creato dal fotografo Michele Morelli. 


Anche solo il terrazzino della libreria con vista sui Sassi, varrebbe il viaggio.
Link qui 



8 geo-commenti:

  1. ohi, gemellina! Ci sei stata? E' la libreria in cui vado più volentieri quando torno nella mia città!:) Ho perfino qualcosa in comune con il gentilissimo proprietario!
    p.s.
    mi spiace per Ravenna, ma considerando il nostro gemellaggio, è la città, tra quelle candidate che ti è più vicina:)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, appena ho letto di Matera, ho pensato a te. Io purtroppo non ci sono stata (e pensare che la giallista ha anche presentato lì il suo romanzo il giorno del mio compleanno!). Peccato...
      Sono contenta che tu sia stata la prima a commentare questo post. Baci gemellina.

      Elimina
  2. La prossima volta che vado a Matera avrò qualcosa in più da vedere!

    RispondiElimina
  3. Ah, quindi ha vinto Matera? No, neanch’io ci sono mai stata però è tanto che vorrei visitarla. Che sia l’occasione giusta?

    RispondiElimina
  4. Posso approfittare del tuo post? Mi permetto di copiare e incollare parte di un articolo pubblicato oggi su “la Repubblica”:

    Per Ferrovie dello Stato Matera non esiste. Cancellata. Il nome della futura capitale europea della cultura non appare in nessun tabellone delle partenze. Non viene mai pronunciato dalla voce metallica degli speaker nelle stazioni. Inutile pure cercarlo tra le destinazioni sul sito di Trenitalia dove si comprano i biglietti online: “Nessuna soluzione trovata”. La città dei Sassi, il patrimonio dell’umanità riconosciuto dall’Unesco, è l’unico capoluogo d’Italia tagliato fuori dalla rete ferroviaria nazionale. Benvenuti a Matera, dove il binario che non c’è porta alla stazione mai aperta. Questa che da altre parti suonerebbe come un paradosso, una frase ad effetto, qui è la realtà. Perché uno scalo targato Fs, Matera, ce l’ha. Basta scendere in località “la Martella”, a pochi minuti dal centro, per goderselo in tutta la sua incompletezza. Centinaia e centinaia di metri quadrati di piazzale, l’ipotetico parcheggio, nel mezzo del quale si erge la stazione rivestita in pietra: le porte sono murate, le pensiline cadono a pezzi, nei due solchi per i binari crescono sterpaglie alte due metri. Abbandonata e in rovina. Presenza ormai accettata dai 60mila materani, che tra cinque anni vedranno arrivare, quasi tutti in macchina o in pullman, almeno 5 milioni di turisti. [… ]

    L’articolo non migliora e termina con un triste “Insomma, la capitale europea è fatta, il problema ora è portarci l’Europa”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commentavo, giorni fa con Silvia Pareschi, che l'Italia non è un paese per vecchi, ne' per giovani. Aggiungo ora che non è un paese per treni. Oso e vado oltre: forse l'Italia non è un paese.
      E non è un'ipotesi, ma una triste realtà.
      Grazie per questo contributo.

      Elimina
    2. Ciao Nelasan, non scrivo per rispondere ma per far sapere che ci sono,
      è un periodo intenso e pieno di cose che mi tengono lontano dai blog,
      appena posso torno. Ciao.

      Elimina
    3. Non ti preoccupare, anch'io in questo periodo non sono molto presente o, per dirla con un termine letteralmente giallista, "latito".
      Spero comunque che la tua non presenza sia per cose che ti tengono impegnato in modo positivo.
      Grazie comunque di aver dato tue notizie.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.