Le terrazze con vista dei commissari Brunetti e Montalbano


(Julia Jäger, Paola Brunetti e Uwe Kockisch, Guido Brunetti- Foto Picture-alliance/obs)

Sulla ragione per la quale Donna Leon non permetta che siano tradotti in italiano i suoi romanzi della serie Commissario Brunetti ci sono le teorie più disparate e molte penne illustri dei nostri quotidiani nazionali si sono scomodati a ipotizzare congetture; già se ne è parlato in un post precedente (qui).
 
Resta il fatto che, per leggere i gialli dell'autrice statunitense, residente dal 1981 nella città lagunare, le opzioni sono di acquistarli in lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, olandese ma non nella nostra lingua.
Venticinque romanzi di cui, con cadenza annuale, esce un adattamento per il piccolo schermo, ma la rete televisiva in questione è la tedesca das Erste, prodotta da ARD;  per chi dunque voglia esercitarsi nella lingua teutonica, non resta che andare su Youtube e cercare Donna Leon - Commissario B HQ Krimi. A quanto pare esiste comunque anche una versione con sottotitoli inglesi e una su un'emittente francese, programmata dopo Montalbano. L'alternanza in salsa europea...
 
Dunque: Brunetti sta a Venezia come Montalbano sta a Vigata. 


Ma nel primo caso, Venezia-è-proprio-Venezia, e la terrazza con vista di casa Brunetti (in foto d'apertura e qui sopra) altro non è che quella del cinquecentesco Palazzo Barbarigo della Terrazza, affacciato sul Canal Grande alla confluenza con Rio San Polo.

Per vedere quella di Montalbano, invece della fittizia  Marinella, gli aficionados devono andare alla spiaggia di Punta Secca, via Aldo Moro, 44, in frazione Santa Croce Camerina, vicino a Marina di Ragusa. Abitazione che viene anche affittata a chi vuole dormire nella stessa casa del commissario siciliano.

Come per Montalbano, anche per Brunetti, a corollario della serie gialla esiste 

una guida cartacea sugli itinerari, l'unica autorizzata dalla scrittrice, della californiana Toni Sepeda, amica della scrittrice da quando entrambe insegnavano ai militari americani di stanza nelle basi europee per conto dell'Università del Maryland;


la stessa ma in carne-ed-ossa, per tour fra i luoghi dei libri, ma solo nei mesi in cui vive a Venezia, diversamente si divide fra le altre sue proprietà: un vigneto-fattoria nelle Dolomiti oppure un'altra casa isolata su una spiaggia nel versante turco del Mar Nero;



non potevano infine mancare altre guide,



varie mappe,


il solito libro di ricette (91 per la precisione), e 


un gioco, un Kluedo fra calli e campi, creato da Ravensburger.

(Famiglia Brunetti: Chiara, Guido, Raffi e Paola - da sin a ds)
 

Brunetti ispira simpatia come Montalbano? 
Sì, il commissario impersonato dall'attore tedesco Uwe Kockisch potrebbe essere tranquillamente doppiato in veneto senza che nessuno possa accorgersi che non è italiano, qualche perplessità invece su altri  componenti della solida famiglia di Brunetti: moglie e figlia che non hanno esattamente fisionomie italiche, ma dovremo farcene una ragione. 
 


Meglio la  piccola terrazza con vista sul mare del quasi solitario Montalbano o quella più ampia di Brunetti per pranzi e cene in famiglia? A voi la scelta.

(Source ARD/Degeto Photo M. Merkel)
 
In momenti di crisi economica e tagli alla spesa pubblica non state troppo a chiedervi se un commissario a Venezia possa permettersi una simile abitazione. Brunetti ha sposato Paola, discendente di una delle famiglie aristocratiche più in vista della città, quella del Conte Falier. Dunque, no problem.


Per approfondire, articoli del Sueddeutsche Zeitung  qui e di Travelbook qui e del The Washington Post qui


6 geo-commenti:

  1. Pensa che mio marito é un lettore appassionato sia dei gialli di Montalbano che di quelli del commissario Brunetti. L'itinerario di Montalbano in Sicilia lo abbiamo giá fatto. Dopo il tuo post sará la volta della Venezia di Brunetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello! Così magari quando ci incontriamo possiamo confrontarci sui romanzi di Donna Leon. Pensa che ho acquistato The Golden Egg nella libreria che ho visitato quest'anno a Berlino (Fair Exchange), poi, non avendo ancora acquistato gli altri romanzi, mi sto guardando la serie su YouTube Auf Deutsch, selbstverstaendlich!

      Elimina
  2. Povera, che vita trista deve condurre la Donna Leon nella città lagunare…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già...un posto dove non succede mai niente!

      Elimina
  3. Però sarei proprio curiosa di sapere perché non vuole farsi tradurre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, potremmo farle una visita a Venezia per chiederglielo di persona. Tu potresti proporti come traduttrice, se la cosa ti fa piacere. Le credenziali non ti mancano di certo!

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.