Il mio nome è Bond, James Bond. Sì, no, forse. Forse non tutti sanno che... (Parte 1a)


La considero un dinosauro misogino sessista, una reliquia della Guerra Fredda il cui puerile fascino, sprecato nel mio caso, ha invece colpito la giovane donna da me mandata a valutarla. (M - GoldenEye - 1995)

Chissà se Judi Dench, in questa foto del 1965, stava leggendo un romanzo di Ian Fleming e immaginava che, trent'anni dopo, avrebbe impersonato il ruolo di M per molti film.

Come la Dench di allora, forse non tutti sanno che...

(James Bond - Photo David R. Contosta)

Quando, a metà degli anni '60, nella casa di Filadelfia di un ornitologo di mezza età cominciarono ad arrivare telefonate di teen-agers, il signore ne' sua moglie immaginavano che Ian Fleming avesse utilizzato nome e cognome per il suo eroe. In un'intervista, il creatore di 007, rivelò che era alla ricerca di un nome facile da ricordare, garbato e al tempo stesso non troppo borioso o aristocratico; si ricordò allora del libro Birds of the West Indies, rilesse il nome dell'autore e decise che era perfetto.

La vera signora Bond, Mrs Mary, in una lettera a Fleming, concluse scrivendo:
"Ho detto al mio J.B. che potrebbe portarLa in tribunale citandola per diffamazione ma lui considera tutto questo come uno scherzo."
Dopodiché scrisse un libro: "How 007 Got his Name" (1966) e decise di rispondere alle telefonate anonime delle ragazzine in questo modo:

"Sì, James è qui. Ma io sono Pussy Galore e lui adesso è occupato.".


James Bond: Lei chi è?
Pussy Galore: Mi chiamo Pussy Galore
James Bond: Forse sto sognando
(Agente 007 - Missione Goldfinger - 1964)

Interpretata da Honor Blackman, è la donna ad aver interpretato la Bond Girl più vecchia, a 37 anni. Nata nello stesso anno della Regina Elisabetta II (1926), il personaggio da lei interpretato, Pussy Galore, malgrado il doppio senso non proprio...aristocratico, ha dato anche il nome a un Rolex (GMT Master) che indossava nel film. 



La foto ritrae da sinistra verso destra: Albert Broccoli, Sean Connery, Ian Fleming e Harry Saltzman. 

Quest'ultimo, co-produttore dei film con Broccoli, lavorò per il Dipartimento di Stato Americano durante la Seconda Guerra Mondiale, come ufficiale di alto grado dell'Intelligence. Cosa che divenne pubblica quando sua figlia richiese alcuni documenti sulla cittadinanza del padre. 



La vera spia che ispirò James Bond è il signore qui a fianco.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Fleming, allora Ufficiale della Royal Navy, era in forza nel Servizio Informazioni della Marina. 

Fu in questo periodo che conobbe il Comandante Forest Yeo-Thomas.

Soprannominato "il Coniglio Bianco", era parte della Special Operation Executive, impiegata contro i Nazisti. Paracadutato tre volte in Francia durante il conflitto, in contatto col la resistenza francese, fu catturato e torturato dalla Gestapo. Sopravvissuto al campo di concentramento di Buchenwald, incontrò Fleming al suo rientro in patria, come comprovano documenti segreti, ora pubblicati. (Fonte: The Mirror)


  Morì nel 1964, a 62 anni, dopo aver sofferto di incubi e problemi psicologici post-guerra. 

(Cary Grant e Eve Marie Saint  
Set film Intrigo Internazionale- 1959)

Quanto al personaggio cinematografico, invece, Fleming si ispirò a Cary Grant.
Fu Albert Broccoli a proporgli varie volte il ruolo. Grant ammise che la sceneggiatura gli piaceva ed era anche un fan della spia inglese, ma rifiutò perché, come scritto nella biografia di Broccoli,  non sentiva di potersi calare nel carattere di Bond

Non si preoccupi. Abbiamo tutto il tempo del mondo... 
(Agente  007 - Al servizio segreto di Sua Maestà - 1969) 

4 geo-commenti:

  1. Interessantissimo! Non ricordavo che ci fosse Judi Dench, non sapevo nessuna di queste chicche! Ma poi guarda che coincidenza, a proposito di broccoli e di menu:
    http://ninehoursofseparation.blogspot.it/2011/05/linvenzione-del-broccolino-e-della.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non aveva nulla a che fare col personaggio di M, questa foto di una giovane Madame Dench (ha anche uno o due titoli onorifici del Governo britannico) mi piaceva. Adesso mi vado leggere questo tuo è menù.buon fine settimana!

      Elimina
  2. Appena ho visto la foto di Judi Dench ho creduto che fosse Miou Miou ( Sylvette Herry)
    nel film "la lettrice" mezzo mondo era coptto di lei
    e io non facevo eccezione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordavo Miou Miou coi capelli di colore castano, poi sono andata a rivedermi le sue immagini nel film e in effetti si somigliano.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.