Book Hotel: Book and Bed - Tokyo

(Photo by Sean Wood)

In molti hotel-capsula non si affitta volentieri agli stranieri. Mettiamo a disagio gli altri clienti, andiamo in giro con le scarpe ai piedi, ci insaponiamo nella vasca collettiva, non parliamo quasi mai in giapponese, non capiamo mai niente, premiamo continuamente il pulsante rosso del pannello di controllo e i pigiami non ci vanno mai bene. La lista delle nostre infrazioni è ben lunga. (pg. 211 Autostop con Buddha - Will Ferguson)

Premessa: la distinta signora giapponese non è in un hotel capsula e il "Book Hotel" in apertura non è un'imperativo invito a prenotare un hotel per le prossime festività.

Meglio sarebbe stato forse scrivere bookish hotel, ma il sostantivo aggettivato non suona bene come il stay foolish di Steve Jobs; ecco allora il più semplicistico (e forse grammaticalmente scorretto) Book Hotel, ad inaugurare un nuovo tag.

Coniugare ospitalità alberghiera e letture non sarà forse la cosa più nuova di questo mondo, anzi, Nela San lo ha sperimentato di persona in modo molto originale una decina d'anni fa. 
Coniugare poi un capsule-hotel con i libri è molto recente. Questo di cui parliamo compie proprio oggi un mese di vita.



B&B in questo caso significa "Book and Bed", hotel/ostello/libreria al settimo piano di un edificio nel quartiere Ikebukuro a Tokyo.


Gli ideatori, gli architetti giapponesi Makoto Tanijiri e Ai Yoshida dello studio Suppose Design Office (gli stessi che hanno realizzato il Guggenheim di Helsinki) hanno dunque pensato a coniugare pernottamento e lettura. 



La capsula, quindi, lungi dall'essere un anonimo e freddo spazio in cui dormire, è invece come un nido personale incastonato fra scaffali in legno, da cui scegliere agevolmente uno dei libri classici, in lingua inglese o giapponese, fra i 1.700 selezionati da Shibuya Publishing & Booksellers, una delle case editrici più importanti della città. Tutti a disposizione gratuitamente, ma non acquistabili.


 

Ostello, dunque, più che hotel: una zona comune creata ad immagine e somiglianza di una libreria e dodici letti, e-book friendly e wi-fi gratuito.








Non sappiamo se i pigiami di cui parla Ferguson nel suo libro siano in dotazione e di quale taglia, conosciamo però quella dei letti: la versione compatta (due metri per 85 cm di larghezza) o quella standard (stessa lunghezza ma con un metro a 20 cm di larghezza), per un prezzo a notte di 32 dollari (per i primi) oppure 50 dollari (per i secondi).

 Al contrario dei tradizionali capsule-hotel, B&B è lieta di ospitare anche turisti e stranieri, da qui la scelta di mettere a disposizione, fra i libri, guide turistiche sul Giappone edite in inglese. 

Will Ferguson è avvertito, anche se il suo Autostop con Buddha resta un perfetto (e divertente) vademecum per calarsi nella mentalità jap.


Book and Bed Tokyo
Address: Tokyo-to, Toshima-ku, Nishi Ikebukuro 1-17-7, Rumieru Building 7th floor
東京都豊島区西池袋1-17-7 ルミエールビル7階
Autostop con Buddha recensione qui, quanto a voi che non siete in Giappone, ma fantasticate di andarci, buoni sogni con questo augurio:




8 geo-commenti:

  1. Cioè, si dorme letteralmente dentro un libreria, intesa come scaffale per i libri. Meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così: cullati fra i libri. Buona domenica, Silvia!

      Elimina
  2. Il giappone è l'unico posto a oriente in cui andrei
    mio figlio a gennaio va a bangkok, lui dice che è un bel posto
    Mah.
    Per quel ch riguarda i loculi
    non vorrei anticipare troppo i tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io vorrei vedere il Giappone, ma credo che non ci riuscirò, per lo meno non in questa vita. Quanto ai loculi, battuta ironica, complimenti e buona domenica!

      Elimina
  3. Affascinante. Non mi convincevano gli hotel capsula ma questa cosa di dormire nello "scaffale dei libri"mi intriga parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sandra, bello ritrovarti qui! Un abbraccio affettuoso.

      Elimina
  4. Ma quest’idea è geniale! Sai se ce ne sono altre in giro per il mondo? Magari meno ad Oriente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, certo, ce ne sono di più vicine, più o meno originali e più o meno stellate, quindi ai prossimi post!

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.