Di Masterchef e di ...master-mistery: Paul Mann

(Gourmet City - Mumbai by Nela San - 2008)

La signora Khanna puntò verso la cucina con aria accigliata. Sansi conosceva la causa del suo disappunto: da quando frequentava quell'americana era dimagrito. Chiaramente la colpa era di quella donna. Le occidentali non capivano che cosa rendesse attraente un uomo; come quasi tutti quelli della sua generazione, la signora Khanna ammirava la grassezza. In un paese in cui la magrezza era un segno di povertà, la pinguedine significava agiatezza e buona posizione sociale. (pag 45 La spiagge di Goa - P. Mann) 


Se non siete ancora pienamente sazi da pranzi natalizi veri o da quelli presunti delle gastro-tenzoni di Masterchef, potete sempre andare al cinema, come vuole la tradizione di Santo Stefano.

Se però siete così pigri, ma così pigri,  da non volervi muovere destinazione Grande Schermo, guardatevi allora il DVD del film di Lasse Hallström con una supponente e stellata-Michelin Hellen Mirren versione francese: Amore, cucina e curry (titolo originale The Hundred-Foot Journey - 2014). 
Sarete spettatori di una fusion-favola declinata in chiave franco-indiana, gastronomicamente e socialmente parlando.

(Manish Dayal aka Manish Sudhir Patel in Amore, Cucina e Curry)


Se poi al posto del film, preferite la lettura di una spicy-mistery indiana, si veda al tag giallisti indiani.

La viaggiatrice per oggi, già sazia, vi saluta. 

No, non pensiate sia reduce da luculliani pranzi. Lei, oggi, ha risolto un mistero. 
Ha finalmente scoperto chi si cela dietro al volto di quel Paul Mann, inventore del detective anglo-indiano George Sansi, (ne ha scritto  qui). 

Per questo autore, Nela San ha cercato notizie per anni. Dire che per lei era diventata un'ossessione nonché una sfida è dir poco.
Era persino riuscita a trovare il numero di qualcosa di simile alla partita IVA australiana di Mann, ma di foto e biografia niente.
Fino ad arrendersi, con la convinzione che Paul Mann fosse magari il nom de plume di una spia o un rappresentante diplomatico che non volesse - o non potesse -  render nota la sua vera identità.

Ora finalmente Paul Mann ha una storia e un volto.


Quel che si legge nell'autobiografia sul suo sito è degna di un libro: si definisce scrittore burned by the book business o, come diremmo noi, andato dalle stelle alle stalle. 
Fra le righe si intuisce una faticosa risalita dopo la bancarotta di un suo editore americano che gli doveva un sacco di soldi e un altro che invece lo incalzava perché non vendeva abbastanza (parole dell'autore).

Ormai quasi settantenne, Paul Mann chiude la presentazione della sua vita con queste righe:

And that's my story so far. A week from writing this I turn 66 and I only hope my energy is equal to all the books I still have in me. So, to be continued…


E' quello che auguriamo noi, con tutto il cuore, a questo Masterwriter.



5 geo-commenti:

  1. Ultimamente sto acquisendo agiatezza e buona posizione sociale
    ci volevi te a fermelo sapere perché a dire il vero non m'ero accorto.

    Come al solito va tutto bene quel che scrivi,
    scoccia un po' leggere quel "quasi settantenne"
    mentre invece ne ha 66 quasi come me
    e per i settanta ancora ce ne corre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non entro nel merito della tua "agiata posizione sociale", accetto invece la "bacchettata" sul "quasi settantenne". Me la merito perché me la sono cercata. Bastava solo aver aggiunto che quanto da lui scritto sito risale a due anni fa: Paul Mann oggi è vicino a compiere i sessantotto anni, essendo nato il 16 gennaio 1947.
      Se dunque io, nata dieci anni dopo, mi reputo una quasi sessantenne, credo che anche lui possa accettare "il quasi".
      Certo che omettere di citare la data della frase è stato un grossolano sbaglio; e dire che mi era anche venuto il dubbio se aggiungerla!
      Tanti auguri Massimo, lettore attento!

      Elimina
    2. Ciao Nela San (nome chiaramente di derivazione nipponica) ;-)
      Questo è uno dei pochi blog che riesco a ncora a frequentare
      e lo faccio con verop piacere.
      Buon anno.

      Elimina
    3. Buon anno anche a te! A proposito, hai letto il post precedente sul libro di Ervas? Quando parlava di tutte quelle isole croate, visitate su barche a vela, ho pensato che forse poteva esserti utile pre prossime tue mete da marinaio!

      Elimina
    4. No, abbi pazienza, adesso vado a leggere.

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.