La Montanara e il centauro T.




La foto già apparsa nel post recente (qui) non è uno sbaglio.
Allora si parlava del giallo ambientato in Appennino, La pioggia fa sul serio, scritto da Macchiavelli e Guccini e a due Borghi fantasma sull'Appennino che Nela San conosce da quando era ragazzina.

Anche il centauro T, conosce bene quelle colline.
Ci è nato e ci si rifugia appena può.
Vedendo le foto di quel post,  il centauro T ha promesso alla viaggiatrice di inviare quelle di Borgo Sanico che scatterà fra poco, perché, ha detto: "credo che la chiesa sia molto peggiorata, ma presto ci andrò in trial e te le manderò.".

Il centauro T, frequenta la Montanara, la frequenta con amore.

Usa ogni mezzo motorizzato a prescindere dal numero delle ruote: la moto da strada, quella da trial o il quad.
Perché la sua è la passione romagnola classica per e mutùr.

La Montanara, da parte sua, lascia fare...negli anni si è invecchiata e non è più quella di una volta, ma ha ancora il suo fascino.


I borghi fantasma sono due, le foto fatte a Castiglioncello dal centauro T. piacerebbero anche a Macchiavelli e Guccini. 










Le altre, quelle di Brento Sanico, il centauro T. non ha fatto in tempo a mandarle.

Si è spento improvvisamente lunedì pomeriggio, proprio come canta la canzone di Guccini, sulla strada impazzita, in un fatale incidente mentre percorreva quella strada a bordo della sua moto.

Sì, perché nella costernazione di questi giorni, Nela San ha dimenticato di dirvi che la Montanara-con-la-emme-maiuscola è la strada che da Firenzuola, il paese natale del centauro T, scende a valle verso Imola, affiancando i due paesi fantasma.
La Montanara non perdona, è strada a cui non piace dar confidenza, fra i tanti incidenti mortali uno di quelli più assurdi fu lo scontro frontale di due motociclisti su uno di quei tornanti, proprio dove ha perso la vita il centauro T., al km 60.


L'unica differenza che allora erano due, mentre il centauro T. era solo, soccorso, invano, da un passante, al km 60, in mezzo al nulla di una strada impazzita; quella Montanara assassina che ha voluto prendersi colui che la conosceva bene.


3 geo-commenti:

  1. Quando sbagli una curva la sbagli tutta fino alla fine
    e speri che dilà non ci sia nessuno ad venirti incontro
    neanche un guard rail assassino
    se poi hai una Ninjia 1000 sei uno che ci dà dentro
    e fare un errorre può diventare importante.
    Non conoscevo Terenzio quasi coetaneo
    e adesso pur continuando a non conoscerlo
    sento di volergli bene.

    RispondiElimina
  2. Scusate se non vi rispondo singolarmente e con ritardo. Quanto è accaduto mi ha abbastanza scosso, anche perché avevo sentito il centauro T. proprio il giorno prima.

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.