Sanlian Public Library: duemil'anime di solitudine

(Photo S. Dongping)

La signora in foto non legge nell'invidiabile soggiorno di casa sua, ma all'interno di una struttura pubblica, questa:



In Cina, nella spiaggia di Nandaihe, sul Mar Cinese Orientale, si trova la Sanlian Public Library, da molte riviste considerata la più solitaria del mondo. Qualche perplessità?! 





Nela San ne ha, l'edificio le ricorda:
A) i bunker a Lido del Savio (quelli che nella sua età paletta-e-secchiello erano ancora visibili sulla spiaggia mentre ora sono tutti interrati lì dov'erano);
B) la canzone Solid as a rock, canzonetta da Febbre del sabato sera o giù di lì (una di quelle in parte colonna sonora della sua adolescenza).

Niente di strano: lo stesso suo ideatore, Dong Gong, (Vector Architects di Pechino)  si attende che la biblioteca sia un segno distintivo e solido come una roccia sulla spiaggia.

Dong Gong concorda quindi col punto B) di Nela San. Tuttavia, poiché per età potrebbe esserne il figlio e qui non giunsero tedeschi a fortificare spiagge, il giovane architetto non si è ispirato a un bunker ma - ha riferito - a un dipinto di Andrew Wyeth. Forse il Two if by Sea dipinto dall'artista nel 1995.




Una sala lettura a più livelli occupa i due piani della biblioteca, mentre uno spazio meditazione, una stanza di ritrovo e un bar ne occupano il perimetro. 
Scenario perfetto per leggere, meditare o sorseggiare una bevanda.
 
Il tutto sfruttando il più possibile la luce naturale, che provoca interessanti atmosfere, penetrando anche da oblò posti ad intervalli regolari sul tetto della struttura. (al riguardo, vedere filmato a fine post).


(Photo He Bin)

Finora la biblioteca può essere raggiunta solo a piedi, la spiaggia appartata che la ospita non ha strade di accesso a Qinhuangdao. Finora.
 


Il suo stagliarsi sulla spiaggia la fa sembrare isolata e solitaria, come fosse l'unica cosa che si può scorgere per miglia. Ma le cose non stanno così. Come le foto di certi alberghi costieri, tutto dipende se è ritratta la "vista-mare" oppure no. 

(Photo Su Shengliang)

Dall'interno, il panorama lato mare è solo un'emozionante ed infinita distesa di acqua, ma sugli altri lati l'infinito è spesso interrotto e lo sarà sempre di più.

La vista spazia sulla chiesa nella spiaggia, progetto sempre dello studio Vector, pensando al fiorente mercato dei matrimoni cinesi, costruita subito dopo aver teminato la costruzione della biblioteca, la scorso anno. (foto: Chen Hao)


Qui si trova già anche la Nandaihe Pleasure city, siamo nella Golden Coast della Cina e vi promettono ogni passatempo: sci acquatico, yacht di lusso, giri in mongolfiera, cascate, etc, etc: insomma di tutto di più. Non poteva quindi mancare anche il Club Med, che presto completerà la costruzione di un suo villaggio. Così quando lo sguardo dei frequentatori della biblioteca spazierà verso Sud, vedranno la formula vintage del turismo occidentale.

La biblioteca del mare che promette solitudine rischia così di non restare più sola. 
In attesa di sapere cosa vi sorgerà intorno, lo spazio creato per contenere ottanta anime amanti della lettura e solitudine, è stato visitato in un solo sabato pomeriggio da quasi duemila persone.
Tutte, ovviamente, alla ricerca di solitudine.

 
Nome: Sanlian Public Library
Sede: Nandaihe Pleasure City, Dai He Da Jie, Funing Xian, Qinhuangdao Shi, Hebei Sheng, 
Photo: He Bin, Su Shengliang, Xia Zhi, Sun Dongping









8 geo-commenti:

  1. Post perfetto, di tutto corredato:-) Niente è come sembra, pare di capire, ma la voglia di accertarsi di persona l'effetto che questa biblioteca/ossimoro fa l'hai sicuramente suscitata..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti, gemellina. Hai sintetizzato bene: niente è come sembra. E in questo modo mi hai suggerito il titolo per uno dei prossimi post. Quanto ad andarla a vedere, beh, credo che ormai i miei viaggi verso la Cina siano terminati.

      Elimina
  2. Ma che posto straordinario! Che fascino! Adoro questi luoghi sperduti (almeno in apparenza) che stanno diventando sempre più rari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: straordinario, sicuramente. Finora...
      :-)

      Elimina
  3. Adesso vado subito a vedere che altro ha fatto questo studio di architettura, grazie della segnalazione

    RispondiElimina
  4. m'ero scordato di dirti che anche dopo tanto tempo che non vengo qui ti ritrovo ancora brava.
    Ma ormai non ti fa più effetto,
    te lo dicono tutti.

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.