LA RAGAZZA NELLA NEBBIA - GIALLO SENZA GEOGRAFIA MA CON (MOLTA) VANITA'

Scena tratta dal film "La ragazza nella nebbia"

Come si fa a realizzare un buon film da un thriller appassionante? Semplice: oltre alla sceneggiatura, lo scrittore ne cura anche la regia, come Donato Carrisi per La ragazza nella nebbia. 
Infatti i ringraziamenti a fine libro (scritto nel 2015) per Maurizio Totti e Alessandro Usai, (produttori della Colorado Film) erano i prodromi per l'uscita nelle sale della pellicola a fine ottobre di quest'anno.

Trama: 
 il 23 dicembre una sedicenne di nome Anna Lou scompare ad Avechot. Nel paesino viene inviato per investigare l'agente speciale Vogel. La sua tecnica è un insieme di tattica e opportunismo che lo porta ad utilizzare i media, tanto da essere sempre a proprio agio di fronte alle telecamere, come un attore consumato capace di improvvisare sempre la propria performance, sicuro di conseguire il successo. (Pg 36
Vanità che si rivela nella cura degli abbinamenti di abito, cravatte di seta, lana o cachemere e scarpe, una sfilata di abiti eleganti che campeggiano nella stanza dell'albergo in cui soggiorna ad Avechot. (Pg 113)

Nel film, Vogel è impersonato da Toni Servillo, che già dieci anni fa ricoprì un ruolo simile ne La ragazza del lago, ispirato al romanzo Lo sguardo di uno sconosciuto della norvegese Karin Fossum; tuttavia il commissario Sanzio dell'opera prima di Andrea Molaioli è lontano anni luce dall'agente speciale.

Vanità di sbattere il mostro in prima pagina (pur senza uno straccio di prova) contraddistingue anche la cinica e spietata giornalista Stella Honer, regina degli inviati,  vecchia conoscenza dell'agente speciale e che seguirà sul luogo lo sviluppo del caso per il suo network.

Thriller ben confezionato: senza un'arma, senza violenza, senza cadavere e senza un luogo.
Di Avechot, paese fittizio, sappiamo solo che è in una sperduta vallata alpina con un'unica strada di accesso, non ha turismo. 
Nel film ci viene mostrato nella sua interezza solo attraverso un plastico, che tanto ricorda quello della serie Muse Inquietanti per SKY arte.


Ci sarebbe quindi da chiedersi il perché dell'appello anche in inglese nel manifesto sulla scomparsa.    

 
 dal film "La ragazza nella nebbia"

Dei parallelismi con Shining, delle atmosfere alla Lynch, Hitchcock e quant'altro sono piene le recensioni (il film sta incassando parecchio e tutti ne parlano),  d'altronde un suo personaggio del libro dice una frase chiarificatrice:
"La prima regola di ogni grande romanziere è copiare." , e lo stesso Carrisi dichiara di aver attinto a tutto quel cinema che gli piaceva, copiando come ogni buon regista deve fare, facendosi ispirare dai noir anni Sessanta con Volonté, dalla grande stagione del thriller anni Novanta come Il silenzio degli innocenti o Seven.
 
Ci sono però altre curiosità. Anche se il nome di Avechot sembra suggerire un paese in Val d'Aosta, la pellicola è girata in provincia di Bolzano, grazie al sostegno della IDM Film Fund & Commission Südtirol-Alto Adige e l'unico riferimento reale è il Grand Hotel Carezza, che già di suo potrebbe essere degno di un film. 

dal Grand Hotel Carezza (1900 circa)
 
Varie le vicissitudini di questo edificio della Bella Epoque, vi soggiornò l'Imperatrice Sissi (1897), fu parzialmente distrutto da un incendio (1910),        Agatha Christie durante il suo soggiorno (1925) vi ambientò "Poirot e i Quattro", con finale nel "Felsenlabyrinth", labirinto di roccia sotto il Latemar, nel sentiero escursionistico a lei dedicato mentre
 

per Winston Churchill il luogo ispirava le sue tele,  dilettandosi di pittura (qui al suo arrivo in hotel nel 1929).


Più recentemente è stato oggetto di storie più nere, come la scomparsa nel 2014 dell'allora titolare, accusata di varie irregolarità finanziarie nei confronti dei suoi dipendenti dell'hotel. Fra le molte ipotesi, quella che sia fuggita coi soldi a Zanzibar (articolo qui).

Attualmente chiuso e per due volte messo inutilmente all'asta dal tribunale fallimentare di Bolzano, la dimora storica pare finalmente abbia trovato un suo lieto fine con la messa sotto tutela da parte della Provincia di Bolzano (Articolo dal quotidiano Adige, qui).    

D'altra parte anche il Grand Hotel


con l’affresco datato 1922 di Albert Stolz raffigurante la leggenda di re Laurino (nell’attuale piscina), 


con l’ex salone a volte (sala da ballo) con l’ampio magnifico dipinto ad olio Ortler mit Payerhütte del celebre paesaggista britannico Edward Theodore Compton e


con la pianta originaria dell’ala est dell’albergo 


ha qualcosa di cui vantarsi.
 


 



9 geo-commenti:

  1. I libri di Donato Carrisi mi piacciono molto, lo trovo onesto come scrittore, il film però non sono andata a vederlo per scelta. Fantastico questo Grand Hotel Carezza... Di imprecisioni nei film (e non solo) ce ne sono fin troppe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo terminato il libro pochi giorni prima di vedere il film, posso dire che non ci sono molte imprecisioni. D'altra parte l'autore ne è anche regista. L'unica cosa che mi ha infastidito è il manifesto di scomparsa in inglese, fra l'altro in un inglese un po' strano. Ma uno dei due produttori (compaesano nostro) ha detto che ne hanno venduto i diritti in molti paesi (persino in Cina); forse la dicitura anche in inglese sarà stato un ennesimo eccesso di ...vanità. :-)

      Elimina
  2. Ah, ecco perché ti incuriosiva quella scritta!
    Quell'albergo è un'opera d'arte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, e per questo ho chiesto consulenza a una professionista dell'idioma inglese. Buona domenica, Silvia!

      Elimina
  3. Quando camminavo senza problemi (mi sembra miracoloso ora che anche semplicemente provare a stare in piedi comporta una sofferenza ) nel raggiungere uno dei sentieri sono passata dal Grand Hotel Carezza. E' una struttura con un'anima, insomma non passa inosservata ( e non solo per la sua imponenza ). La leggenda del re Larino è very popular da quelle parti e, se non ricordo male , dà ragione dello splendido colore che il Latemar assume al tramonto:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace molto che questo recupero sia così lento e ti auguro che tutto si risolva presto. Hai ragione: la leggenda di Laurino è famosa da quelle parti, ricordo che ne acquistai un libro illustrato per i miei figli mentre ero a S. VIgilio di Marebbe. Di Dolomiti ne ho viste tante, ma non quelle della zona del Latemar e Carezza.

      Elimina
  4. Quando un regista gira un film tratto da un libro
    non fa altro che rappresentare come lui immagina quel che un altro ha scritto
    è normale che spesso non corrisponda a quello che immaginiamo noi.
    Anche se lo scrittore è la stessa persona del regista
    è possibile che noi lettori abbiamo "visto" i personaggi
    e tutto il resto in maniera diversa di come ce li prpone lui.

    Sarebbe certo un peccato perdere quell'albergo
    che rappresenta indubbiamente un pezzo di storia
    e dunque bene ha fatto la Provincia di Bolzano a metterci una pezza
    anche perchè i soldi sono i nostri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione sulle questioni delle trasposizioni da libro a pellicola e alle aspettative deluse di noi lettori quando siamo spettatori della "trasposizione". In questo caso tuttavia non ho avuto aspettative deluse perché ho letto il libro pochi giorni prima di aver visto il film.

      Vedremo gli sviluppi della storia dell'albergo. Mi sono sbilanciata a parlarne come di "un lieto fine" perché la Provincia di Bolzano è una di quelle "ricche" che, quando si muove, ha un approccio teutonico che fa ben sperare.

      Elimina
  5. Sul blog della signora qui sopra non è possibile commentare?

    RispondiElimina

 

Geografie in arrivo

Geografie in arrivo
Conoscere un'archeologa è fondamentale e fenomenale

Geografie Blogganti

Bloggando geografie, giallisti, librerie e biblioteche

Alentej-ando (29) Book Bar & Book Hotel (3) Ciak si libra (37) Dizionario Scrittorio (1) Dizionario Viatorio (25) Ebdomada Enigmista (11) Élmer Mendoza (1) Elvira Sellerio (1) Flash word-post (1) Geo Arabia Saudita (1) Geo Argentina (3) Geo Australia (2) Geo Austria (3) Geo Belgio (7) Geo Brasile (18) Geo Cambogia (1) Geo Canada (2) Geo Cile (3) Geo Cina (14) Geo Colombia (2) Geo Corea del Sud (9) Geo Egitto (4) Geo Finlandia (3) Geo Francia (10) Geo Germania (9) Geo Giappone (8) Geo Gran Bretagna (8) Geo Grecia (2) Geo Hong Kong (13) Geo India (6) Geo Indonesia (2) Geo Iran (3) Geo Irlanda del Nord (1) Geo Islanda (4) Geo Israele (4) Geo Italia (37) Geo Lettonia (1) Geo Malesia (1) Geo Medio Oriente (1) Geo Messico (1) Geo Mongolia (1) Geo Nepal (1) Geo Norvegia (2) Geo Olanda (4) Geo Portogallo (40) Geo Russia (2) GEO Sao Tomè e Principe (1) Geo Singapore (4) Geo Siria (1) Geo Slovacchia (1) Geo Spagna (18) Geo Stati Uniti (13) Geo Svezia (1) Geo Taiwan (4) Geo Thailandia (3) Geo Turchia (6) Geo Uruguay (1) GGG come Gatti Gialli e Geografie (7) Giallisti algerini (1) Giallisti americani (13) Giallisti arabi (1) Giallisti argentini (8) Giallisti australiani (1) Giallisti belgi (7) Giallisti brasiliani (10) Giallisti britannici (22) Giallisti cileni (2) Giallisti cinesi (5) Giallisti cingalesi (2) Giallisti colombiani (1) Giallisti coreani (2) Giallisti cubani (2) Giallisti danesi (4) Giallisti egiziani (1) Giallisti francesi (24) Giallisti giapponesi (4) Giallisti greci (6) Giallisti Hong Kong (1) Giallisti indiani (9) Giallisti iraniani (1) Giallisti islandesi (5) Giallisti israeliani (4) Giallisti italiani (61) Giallisti malesi (1) Giallisti messicani (3) Giallisti nordirlandesi (1) Giallisti norvegesi (2) Giallisti olandesi (1) Giallisti peruviani (2) Giallisti portoghesi (13) Giallisti spagnoli (23) Giallisti svedesi (8) Giallisti svizzeri (3) Giallisti tedeschi (13) Giallisti turchi (5) Giallisti vietnamiti (1) Graphic Novel (32) I HAVE A DREAM... (1) Liberamente libr-ato (2) Librerie e Biblioteche (133) MEMO (77) No Comment (67) Post-on-demand (1) Scrittori africani (1) Scrittori americani (1) scrittori argentini (1) Scrittori brasiliani (1) Scrittori inglesi (2) Scrittori islandesi (1) Scrittori italiani (2) Scrittori messicani (1) Scrittori olandesi (1) Scrittori statunitensi (1) Scrittori sudafricani (2) Statuae manent (20) Sud Africa (1) Sunshine Award (1) Vademecum Autore-vole (2) Venezia (8) Viviane Hamy (1)

Geo-lettori im-pazienti

Follow by Email

BIBLIO-GEOGRAFIA DI NELA SAN

Viaggiatrice Giallamente Ferrata (definizione di Baba Talpa), portoghese dentro, ammalata di ... lusitanitudine, in viaggio fra pagine di libri gialli, scaffali di librerie e biblioteche e altri mondi.

Parla: tedesco per scelta, inglese per necessità, francese per coercizione, portoghese per amore. In tutti gli altri momenti italiano.

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.