Del rivendicare paternità, virtuali e non - 1a parte: il santo casamenteiro

Escola Secundária de Diogo de Gouveia - Beja

"Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori" 
La frase di Mussolini, scolpita sul Palazzo dell'EUR a Roma, potrebbe esser stata  pronunciata anche da António de Oliveira Salazar, capo della dittatura negli stessi anni in Portogallo.

Il suo Estado Novo si ispirava all’esperienza modernista dell’Italia fascista e alla sinergia fra arte e potere politico: architettture e palazzi, come quello qui sopra, ne sono un esempio.

Senza elencare parallelismi fra poeti, artisti, eroi - la lista diverrebbe troppo lunga - qui si citeranno altre figure, che hanno qualcosa in comune col nostro paese.

 Foto dal sito Câmara Municipal de Lisboa


Era il 2003 quando, vicino alla Cattedrale di Lisbona, capitò a Nela San di assistere alla curiosa scena di una ragazza nel lancio di una monetina verso la statua di un santo. Osservando i suoi maldestri tentativi, capì che il bersaglio era il libro che il santo aveva in mano e poichè il dispettoso soldo non ne voleva sapere di fermarsi sulle pagine, ma rimbalzava cadendo qua e là, la scena includeva l'indaffarata corsa di una donna più anziana che lo riacciuffava, dandolo alla giovane per un ulteriore tentativo. 
Non essendo la viaggiatrice molto avvezza ai santi, ne seguì pure una gaffe involontaria alla risposta sul suo interessamento al nome del santo.

"Santo António"
"Ah, Sant'Antonio da Padova!"
" Não, Santo António de Lisboa, o santo padroeiro da nossa cidade!"

Senza causare incidenti diplomatici, diremo dunque che si tratta dello stesso santo francescano, giacché Fernando Martins de Bulhões (questo il suo vero nome) nacque a Lisbona il 15 agosto del 1195 e morì a Padova il 13 giugno del 1231. 
Se in Portogallo questo nome rivaleggia per popolarità con quello di João (patrono di Porto), ora sapete il perché.


 


Ma torniamo alla nostra moneta. Il santo in questione, a Lisbona, è molto considerato per le ...questioni di cuore.
Vuole la tradizione che, tirando una moneta nel libro della statua che si trova di fronte alla Chiesa di Sant'Antonio, ci si garantisca felicità nella relazione amorosa o che il matrimonio sarà duraturo. Vale anche se la medesima resta nel cappuccio del santo, ma non sappiamo quanti siano i tentativi a disposizione.

Comunque, non è la sola cosa per cui Santo António è così popolare. Il santo-con-l'accento- sulla "o" si occupa anche in matrimoni in larga scala, tanto che qui è anche detto santo casamenteiro (santo sensale di matrimoni).


Dal 1997 il Municipio di Lisbona organizza i Matrimoni di Santo António, iniziativa nata nel 1958 col nome di "Noivas de Santo António" (spose di Sant'Antonio), interrotta nel 1974 e ripristinata appunto nel '97 con l'intento di dare la possibilità a coppie di Lisboeti con basse disponibilità finanziarie e alle rispettive famiglie di concretizzare il sogno di un matrimonio tradizionale.

La cerimonia, di solito in concomitanza o subito a ridosso della festa dal patrono (a metà giugno), vedeva un numero molto alto di sposi, come si nota dalla foto sotto, degli anni Settanta. 


Negli ultimi anni, essendosi drasticamente ridotto il numero delle coppie, l'Amministrazione della città ha deciso di preservare questa tradizione e di modernizzarla, allargando la partecipazione anche a coloro che scelgono il solo rito civile. Sotto le cinque coppie che hanno celebrato il rito civile nel 2017 col sindaco di Lisbona.


La sfilata degli sposi è seguita da migliaia di persone, non solo da quelle che fanno ala al loro passaggio nelle strade accanto alla Cattedrale, ma anche dagli spettatori che seguono la diretta di RTP e RTP International (rete televisiva nazionale).




Curiosità: se in passato il trasferimento degli sposi dalla chiesa al luogo del ricevimento avveniva in maggioloni, carrozze, auto d'epoca, negli ultimi anni si è optato per questo:


Non pensate sia il frutto di contenimento dei costi dell'amministrazione pubblica o di drastici tagli imposti dalla troika.
Provate a chiedere le tariffe dei tuk-tuk a Lisbona e vi accorgerete che, nel vostro caso, l'unico ad andare a nozze, sarà chi vi porta a spasso nel giro turistico nella capitale. 
I tuk-tuk a Lisbona non hanno niente in comune con quelli in India. 

...continua

6 geo-commenti:

  1. Fu una sorpresa anche per me scoprire ( dalla guida del touring, però, e non dalla mamma di una sposa ) l'origine di Sant'Antonio.
    Piacevolissima lettura, Nela. Grazie!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, vedi: gemelline pure nella ...non-conoscenza del duplice appellativo sul santo. 😊

      Elimina
  2. Averlo saputo sarei andato a Lisbona a tirare qualche manciata di monetine sul libro e sul cappello di Antonio. Lo farei adesso ma non so se sia ormai fuori tempo e comunque mi sà che ormai è tardi.
    Coi tuk-tuk anche Piaggio ci va a nozze, meno male che anche qui c'è una certa relazione che non è solo politica.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vai a Lisbona, tieni un... sacco di monetine per il tuk-tuk. Stó a scherzá, naturalmente.

      Elimina
  3. La prima volta che andai a Lisbona ricorreva la famosa festa del Santo. Cosa che scoprii solo sul luogo. Ma non conoscendo il rito del matrimonio di gruppo, ho perso lo spettacolo. E ho perso anche l'opzione lancio della monetina, sicchè il mio matrimonio è a rischio.
    Scherzi a parte, a me i tuk-tuk fanno sorridere tantissimo, pur non avendoli mai sperimentati di persona (mi ci vedi su un tuk-tuk? Peggio che dire prendo il bus turistico, piano superiore, per visitare una qualsiasi città dall'alto in un paio di ore...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non ho lanciato la monetina, non ti preoccupare: ormai non conto più da quanti decenni sono in coppia col coniuge. Quanto ai tuk-tuk, li ho sperimentati in India, con tanto di gara con un altro, entrambi a luci spente. Nessun pericolo: il mio aveva due grandissime casse audio che risuonavano "Walking like ah Egyptian" delle Bangles a tutto volume. Non proprio musica indiana, ma efficace per farsi strada (nonché troppo efficace per le mie orecchie)

      Elimina

 

Geografie in arrivo

Geografie in arrivo
Conoscere un'archeologa è fondamentale e fenomenale

Geografie Blogganti

Bloggando geografie, giallisti, librerie e biblioteche

Alentej-ando (25) Book Bar & Book Hotel (3) Ciak si libra (37) Dizionario Scrittorio (1) Dizionario Viatorio (25) Ebdomada Enigmista (11) Élmer Mendoza (1) Elvira Sellerio (1) Flash word-post (1) Geo Arabia Saudita (1) Geo Argentina (2) Geo Australia (2) Geo Austria (3) Geo Belgio (7) Geo Brasile (18) Geo Cambogia (1) Geo Canada (2) Geo Cile (3) Geo Cina (14) Geo Colombia (2) Geo Corea del Sud (9) Geo Egitto (4) Geo Finlandia (3) Geo Francia (10) Geo Germania (9) Geo Giappone (8) Geo Gran Bretagna (8) Geo Grecia (2) Geo Hong Kong (13) Geo India (6) Geo Indonesia (2) Geo Iran (3) Geo Irlanda del Nord (1) Geo Islanda (4) Geo Israele (4) Geo Italia (37) Geo Lettonia (1) Geo Malesia (1) Geo Medio Oriente (1) Geo Messico (1) Geo Mongolia (1) Geo Nepal (1) Geo Norvegia (2) Geo Olanda (4) Geo Portogallo (39) Geo Russia (2) GEO Sao Tomè e Principe (1) Geo Singapore (4) Geo Siria (1) Geo Slovacchia (1) Geo Spagna (18) Geo Stati Uniti (13) Geo Svezia (1) Geo Taiwan (4) Geo Thailandia (3) Geo Turchia (6) Geo Uruguay (1) GGG come Gatti Gialli e Geografie (7) Giallisti algerini (1) Giallisti americani (13) Giallisti arabi (1) Giallisti argentini (7) Giallisti australiani (1) Giallisti belgi (7) Giallisti brasiliani (10) Giallisti britannici (22) Giallisti cileni (2) Giallisti cinesi (5) Giallisti cingalesi (2) Giallisti colombiani (1) Giallisti coreani (2) Giallisti cubani (2) Giallisti danesi (4) Giallisti egiziani (1) Giallisti francesi (24) Giallisti giapponesi (4) Giallisti greci (6) Giallisti Hong Kong (1) Giallisti indiani (9) Giallisti iraniani (1) Giallisti islandesi (5) Giallisti israeliani (4) Giallisti italiani (61) Giallisti malesi (1) Giallisti messicani (3) Giallisti nordirlandesi (1) Giallisti norvegesi (2) Giallisti olandesi (1) Giallisti peruviani (2) Giallisti portoghesi (13) Giallisti spagnoli (23) Giallisti svedesi (8) Giallisti svizzeri (3) Giallisti tedeschi (13) Giallisti turchi (5) Giallisti vietnamiti (1) Graphic Novel (32) I HAVE A DREAM... (1) Liberamente libr-ato (2) Librerie e Biblioteche (132) MEMO (77) No Comment (67) Post-on-demand (1) Scrittori africani (1) Scrittori americani (1) scrittori argentini (1) Scrittori brasiliani (1) Scrittori inglesi (2) Scrittori islandesi (1) Scrittori italiani (2) Scrittori messicani (1) Scrittori olandesi (1) Scrittori statunitensi (1) Scrittori sudafricani (2) Statuae manent (20) Sud Africa (1) Sunshine Award (1) Vademecum Autore-vole (2) Venezia (8) Viviane Hamy (1)

Geo-lettori im-pazienti

Follow by Email

BIBLIO-GEOGRAFIA DI NELA SAN

Viaggiatrice Giallamente Ferrata (definizione di Baba Talpa), portoghese dentro, ammalata di ... lusitanitudine, in viaggio fra pagine di libri gialli, scaffali di librerie e biblioteche e altri mondi.

Parla: tedesco per scelta, inglese per necessità, francese per coercizione, portoghese per amore. In tutti gli altri momenti italiano.

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.