IL (NITIDO) COMMISSARIO SONERI E LA (SFUMATA) LEGGE DEL CORANO

Parma - Piazza Duomo (Photo Wikipedia)

Nelle città di pianura basta un po' di vento per diffondere il disagio. Tutto diventa insofferente, irrequieto e irritabile. Come se venisse loro strappato il vestito di nebbia e si trovassero di colpo nude in un bagliore osceno.
In quella luce corrusca Soneri attraversò piazza Duomo e osservò i marmi dell'Antelami ... (pag. 86 Il commissario Soneri e la legge del Corano)

Nell'ultimo libro della serie di polizieschi con protagonista Soneri, Valerio Varesi affronta un tema ricorrente nelle città italiane: quello del loro tessuto sociale disintegrato per lo sradicamento di chi ci vive da sempre, ma non le riconosce più, e di chi vi è giunto da immigrato, imbattendosi in una convivenza difficile o addirittura assente.   

La Parma-Crisopoli città dell'oro dell'anno Mille, la "Atene d'Italia" dei Borboni o la "Petite capitale" della Duchessa Maria Luigia d'Asburgo, la città del bel vivere, Regina della Food Valley, coi suoi salumi e anolini come ambasciatori, è oggi, come tante, alle prese con quartieri dalle strade buie, un tempo dormitorio, oggi luogo di industrie dismesse, abitate dai fantasmi di una città operaia scomparsa (pag. 23).

Soneri indaga sull'omicidio di un giovane tunisino, Hamed, che viveva nella casa di un settantenne cieco, Gilberto Forlai. 
Per scoprire l'assassino e capirne il movente, il commissario dovrà muoversi nella casbah dell'ex-Salamini (azienda del "settore del bianco" negli anni del boom economico), affrontare le ronde dei commercianti che presidiano i quartieri degradati, confrontarsi con un professore teorico del populismo e subire con crescente fastidio una lezione sul marxismo dall'imam della moschea di San Leonardo.

 (foto da La Gazzetta di Parma)

Molti gli spunti dalla cronaca nera di Parma, provincia in cui Varesi vive e di cui scrive nelle pagine di Bologna del quotidiano La Repubblica.  
Nel dismettere gli abiti di giornalista per quelli di scrittore ha creato un poliziesco sociale, in cui orchestra magistralmente le voci dei personaggi, mantenendone la fluidità anche nei dialoghi più articolati, teorizzanti le opinioni radicali delle diverse parti sociali, senza dimenticare il piano scenico della città, alternando zone degradate del presente a suggestivi luoghi del passato, il cui ...sipario sono le nebbiose atmosfere, leitmotiv autunnale parmense, che mostrano Parma dentro un viluppo grigio di cartolina fumé.

La nebbia passava sotto i voltoni modellata come la pasta estrusa dalla trafila. [...omissis...] ebbe la tentazione di entrare  tra i legni del teatro Farnese e passare un po' di tempo lì dentro. Ogni tanto faceva bene stare immersi nella bellezza, produceva miracoli più dell'acqua di Lourdes. Invece girò a sinistra ed entrò alla Palatina, dopotutto, anche lì abitava un po' di bellezza. (pg 185)

 Biblioteca Palatina - Sala Maria Luigia

Nel momento in cui il vento spazza la nebbia, causando insofferenza, irrequietezza e irritabilità, appare nitido il Soneri-pensiero che si sente ridicolo vestito da funzionario di uno Stato in via d'evaporazione

"Ognuno di noi si sente patetico. Sapessi com'è vedere tutto 'sto schifo e non poter far niente. Tra una destra forcaiola e una sinistra che pigola illusioni di convivenza." (pg 49)

Posizione scomoda che a detta di alcuni farà arrabbiare gli schieramenti culturali contrapposti: sia il buono di sinistra che lo xenofobo. 
Posizione chiara e nitida a cui si contrappone l'evanescenza di quelle "leggi del Corano" del titolo che tradisce le aspettative di chi, sul tema, si attendeva di leggere qualcosa in più.

Non delude invece la scoperta della causa del crimine, soprattutto per chi non conosce un certo particolare di Bologna (sì, anche il capoluogo emiliano viene dunque tirato in ballo) e l'esplosivo (in tutti i sensi) finale. 
Finale che lascia un po' perplessi ma è prologo del libro che verrà (Soneri dixit).

Nel frattempo, questo romanzo si è aggiudicato in Francia il premio Violeta Negra, prestigioso riconoscimento nell'ambito del Toulouse Polars du Sud, giunto in finale con quelli scritti da autori di grande caratura.



Il titolo italiano un po' pretenzioso è stato cambiato e tradotto in Le Fleuve des brumes, Il Fiume delle Nebbie. 
Sfumature diverse, alla francese, per descrivere come è oggi la petite capitale che un tempo fu della moglie di Napoleone.


 

2 geo-commenti:

  1. Interessante! Sembra che la città sia molto presente e ti sarai accorta quanto io trovi intrigante il connubio gialli-geografie:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sí, Parma è molto presente, nelle sue bellezze e nelle sue brutture (provare a cercare le immagini dei luoghi sul web, per credere), ma è proprio questo che mi affascina nelle letture. Oltre alla trama gialla, cerco geografie. Come hai ragione, gemellina! Buona domenica.

      Elimina

 

Geografie in arrivo

Geografie in arrivo
Conoscere un'archeologa è fondamentale e fenomenale

Geografie Blogganti

Bloggando geografie, giallisti, librerie e biblioteche

Alentej-ando (25) Book Bar & Book Hotel (3) Ciak si libra (37) Dizionario Scrittorio (1) Dizionario Viatorio (25) Ebdomada Enigmista (11) Élmer Mendoza (1) Elvira Sellerio (1) Flash word-post (1) Geo Arabia Saudita (1) Geo Argentina (2) Geo Australia (2) Geo Austria (3) Geo Belgio (7) Geo Brasile (18) Geo Cambogia (1) Geo Canada (2) Geo Cile (3) Geo Cina (14) Geo Colombia (2) Geo Corea del Sud (9) Geo Egitto (4) Geo Finlandia (3) Geo Francia (10) Geo Germania (9) Geo Giappone (8) Geo Gran Bretagna (8) Geo Grecia (2) Geo Hong Kong (13) Geo India (6) Geo Indonesia (2) Geo Iran (3) Geo Irlanda del Nord (1) Geo Islanda (4) Geo Israele (4) Geo Italia (37) Geo Lettonia (1) Geo Malesia (1) Geo Medio Oriente (1) Geo Messico (1) Geo Mongolia (1) Geo Nepal (1) Geo Norvegia (2) Geo Olanda (4) Geo Portogallo (39) Geo Russia (2) GEO Sao Tomè e Principe (1) Geo Singapore (4) Geo Siria (1) Geo Slovacchia (1) Geo Spagna (18) Geo Stati Uniti (13) Geo Svezia (1) Geo Taiwan (4) Geo Thailandia (3) Geo Turchia (6) Geo Uruguay (1) GGG come Gatti Gialli e Geografie (7) Giallisti algerini (1) Giallisti americani (13) Giallisti arabi (1) Giallisti argentini (7) Giallisti australiani (1) Giallisti belgi (7) Giallisti brasiliani (10) Giallisti britannici (22) Giallisti cileni (2) Giallisti cinesi (5) Giallisti cingalesi (2) Giallisti colombiani (1) Giallisti coreani (2) Giallisti cubani (2) Giallisti danesi (4) Giallisti egiziani (1) Giallisti francesi (24) Giallisti giapponesi (4) Giallisti greci (6) Giallisti Hong Kong (1) Giallisti indiani (9) Giallisti iraniani (1) Giallisti islandesi (5) Giallisti israeliani (4) Giallisti italiani (61) Giallisti malesi (1) Giallisti messicani (3) Giallisti nordirlandesi (1) Giallisti norvegesi (2) Giallisti olandesi (1) Giallisti peruviani (2) Giallisti portoghesi (13) Giallisti spagnoli (23) Giallisti svedesi (8) Giallisti svizzeri (3) Giallisti tedeschi (13) Giallisti turchi (5) Giallisti vietnamiti (1) Graphic Novel (32) I HAVE A DREAM... (1) Liberamente libr-ato (2) Librerie e Biblioteche (132) MEMO (77) No Comment (67) Post-on-demand (1) Scrittori africani (1) Scrittori americani (1) scrittori argentini (1) Scrittori brasiliani (1) Scrittori inglesi (2) Scrittori islandesi (1) Scrittori italiani (2) Scrittori messicani (1) Scrittori olandesi (1) Scrittori statunitensi (1) Scrittori sudafricani (2) Statuae manent (20) Sud Africa (1) Sunshine Award (1) Vademecum Autore-vole (2) Venezia (8) Viviane Hamy (1)

Geo-lettori im-pazienti

Follow by Email

BIBLIO-GEOGRAFIA DI NELA SAN

Viaggiatrice Giallamente Ferrata (definizione di Baba Talpa), portoghese dentro, ammalata di ... lusitanitudine, in viaggio fra pagine di libri gialli, scaffali di librerie e biblioteche e altri mondi.

Parla: tedesco per scelta, inglese per necessità, francese per coercizione, portoghese per amore. In tutti gli altri momenti italiano.

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.