Se Ulises dice NO



Ulises vi stupirà con architetture mirabolanti? NO.
Ulises, come altre indipendenti di queste parti, è un cafè-librería? Direi di NO.
Ulises si trova da qualche parte in Italia? NO.
In Spagna? Anche NO.
In Europa? Assolutamente NO!



Eppure, Ulises è una libreria dove sentirsi a casa, se mai vi troverete a passare per Santiago del Cile.
Una libreria indipendente aperta da Febbraio 2010, nel pieno centro del quartiere Lastarria, dove si tiene la movida culturale della capitale.
Luogo con eleganti scaffali in legno contenenti un vasto catalogo di libri di letteratura classica e contemporanea, il cui piano superiore è raggiungibile dalla  scala centrale in legno e in cui lo spazio è dilatato dal soffitto a specchio.

Qui la ricordiamo in stile gialli-e-geografie per un particolare evento culturale che potrebbe essere preso da esempio anche in Italia (dove materiale simile non manca).

Nel settembre 2010, Ulises ha ospitato la mostra "Biblioteca de la No - Historia de Chile"; titolo che richiama il pluripremiato film di Pablo Larrain, "NO - I giorni dell'arcobaleno" sul plebiscito cileno contro il dittatore Pinochet. (trama qui).

Scaturita da un'idea dell'artista cilena Voluspa Jarpa.


L'opera di arte visuale si è basata sul creare una biblioteca di testi della Storia Cilena, provenienti dagli archivi declassificati dalla CIA, relativi al periodo storico del paese fra il 1968 e il 1991 e chiamato "Progetto di mancata classificazione del Cile".
Ventiduemila documenti, declassificati dalla CIA (e da altre organizzazioni dell'Intelligence americana), datati dal Febbraio 1999 al Novembre 2001 e disponibili su internet. 
Il più grande archivio messo online su un solo paese straniero; il Cile appunto.




Un'attività di revisione e pubblicazione di diecimila documenti, selezionati secondo la particolarità della contrapposizione: fra informazione e cancellazione da parte della censura.

Sono nati così una serie di libri in base alla quantità di righe cancellate sui testi ed altri sui controlli eseguiti su testi pubblicati in ordine storico e cronologico: dal 1968 al 1974, dal 1975 al 1981 e dal 1982 al 1989.




Malgrado l'oggettiva difficoltà nella lettura dei documenti, la mostra aveva lo scopo di stimolare il lettore, ponendolo difronte a questo limbo della Parola, proposta come immagine iconica per fare riflettere sulla storia recente di quel paese. 
(Foto della mostra dell'artista)




Ulises
José Victorino Lastarria 104
Santiago, Región Metropolitana, Cile 




7 geo-commenti:

  1. Continua la serie delle tue mirabolanti librerie... non smettere, sono bellissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara e, per seguire il tuo invito, continuo anche la prossima settimana. Posterò di una biblioteca molto particolare.
      Buona domenica!

      Elimina
  2. W le librerie indipendenti e le biblioteche tutte :-) Viaggio nel viaggio, ogni volta che ti leggo. Baci

    RispondiElimina
  3. Per il momento, Santiago del Cile come luogo in cui incontrarci mi sembra poco fattibile.
    Intanto, ho fatto la richiesta di prestito del film che hai citato (pluripremiato ma che io non conoscevo).
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Prima di arrivare a Santiago, ne dobbiamo visitare altre, più vicine (a quasi) ;-)

    RispondiElimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.