O Sado e le sue storie: un bolognese di nome Filippo - 2a parte

(Soffitto Sala das Caravelas - Casa de Santa Maria
Cascais - Foto: Nela San)

Mentre dunque ve ne state coi piedi saldamente ...ancorati per terra su quel gradino, il nostro Filippo era alle prese con edifici che hanno a che fare con l'acqua, non più acquedotti ma fortezze sulla costa. E si sa, quanto a coste, il Portogallo ne ha per oltre duemila chilometri, quindi il bolognese era intensamente occupato.
  
In particolare, nel 1588, Filippo Secondo chiama Filipe Tércio ad occuparsi del Forte do Pessegueiro. (sotto Forte do pessegueiro - disegno a penna d'oca di F. Terzi - 1588)

Fin qui nulla di strano, era ingegnere militare, ma a quel cambio di attività edili non fu estraneo un terzo incomodo. Anche il suo nome inizia per effe: Francis, Francis Drake. Ma se fra il Filippo bolognese e quello ispano-portoghese c'era un connubio, altrettanto non si può dire fra quest'ultimo e il Francesco inglese.

Che fra i due popoli non corra buon sangue è cosa nota: Filippo II per gli Iberici era "el Prudente", mentre per gli Inglesi era un re crudele e guerrafondaio, imperdonabilmente colpevole di due cose: non parlava inglese e aveva questo suo pallino di vendicare la morte della cattolica Maria Stuarda. Dall'altra parte, Francis Drake: un eroe per la corona inglese ma un pirata per quella iberica. 

Le loro ...scaramucce si svolgevano sull'acqua a suon di cannonate, vascelli e galeoni e sembravano non aver mai fine, tanto che il sovrano mise sulla sua testa una taglia di 20.000 escudos. 
Se giudicate esoso il compenso pari a circa 5 milioni di euro nostrani, considerate alcuni dei danni procurati dal corsaro: aveva fatto incursione a Cadiz (1587), affondato parte della Invincible Armada (1588), distrutto i granai di Lisbona, tentato di impossessarsi di una delle Azzorre e di sobillare i Portoghesi alla ribellione contro il loro re
Ecco perchè el Prudente inizia a far costruire al bolognese i forti da Nord a Sud del territorio e quello di Pessegueiro era un progetto ambizioso: sarebbe stato costruito su un'isola antistante al Forte de Nossa Senhora da Queimada, in posizione elevata sulla spiaggia della terraferma. (Forte da Nossa Senhora da Queimada - foto Nela San)

  (costa antistante il Forte N.sa S.ra da Queimada - foto Nela San)

 
 (Ihla do Pessegueiro - foto Nela San)

In caso di incursioni, i pirati sarebbero stati sotto il fuoco di tiro incrociato dei due forti. Non solo, per evitare che potessero usare l'isola come punto di appoggio, si chiese a Filippo di progettare anche una scogliera artificiale di pietre che collegasse entrambi.

(spiaggia e Ilha do Pessegueiro 
dal Forte N.sa S.ra da Queimada - foto Nela San)


Nel 1588, iniziò quindi la costruzione del forte sulla costa e il taglio di blocchi di pietra buttati fra l'isola e la terraferma.





Altri due gradini per voi mentre trascorrono due anni per il bolognese Filippo. Nel 1590 promosso e insignito col titolo di Mestre das Obras das Fortificações e Mestre das Obras de el Rei, si trasferisce a Lisbona, lasciando la direzione dei lavori dei due forti all'architetto e ingegnere napoletano Alessandro Massai.

foto Nela San
L'ultimo vostro gradino corrisponde all'ultimo suo lavoro: l'imponente fortezza in muratura di pietra e mattoni dalla forma a stella e doppia cinta di mura del Forte de São Filipe a Setúbal. 

foto Nela San

Ebbene sì: avete calcato i gradini di un forte costruito dall'architetto bolognese Filippo, voluto dal sovrano iberico Filippo e intitolato al santo Filippo. 

foto Nela San

Opera a guardia della città, sulla foce del fiume Sado (alla vostra sinistra) e sull'Oceano (alla vostra destra).

Purtroppo il nostro Filippo non vedrà la fine dei lavori, conclusi nel 1600 sotto la guida di Leonardo Torreano, succeduto al bolognese dopo la sua morte, avvenuta qui, nel 1597.


So cosa pensate, mentre ammirate quel panorama dalla fortezza dove oggi l’antica residenza del governatore, con la piccola cappella decorata da azulejos con scene della vita di S. Filippo, ospita una Pousada de Portugal. 


Lo so: vorreste chiedere alla reception se fra gli ospiti c'è qualche inglese, magari antenato di Francis Drake. 
Non fatelo! Per rispetto ai due Filippi che tanto hanno fatto per tenerlo lontano da qui.
Vi prego, non fatelo!

Info di servizio: per chi vuole calcare gradini, ma restando in Italia, suggeriamo di guardare questo filmato, fino in fondo.

    







 


5 geo-commenti:

  1. Vita intensa quella di Terzi, a Barchi vado a prendere il vino. Arriva gente continuo dopo

    RispondiElimina
  2. Abbi pazienza, non m'ero reso conto che arrivava gente a pranzo e ho troncato. Barchi è carina, ma in questa provincia ci sono tante cittadine che sono altrettanto belle, piene di storia e ricche d'arte. In questo senso mi ritengo parecchio fortunato a essere nato e a vivere qui. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi, quando smetterò i trasferimenti a lungo raggio, mi prenderò il tempo di conoscere meglio le Marche, di sicuro!

      Elimina
  3. Hai trovato la luce giusta per le foto; sono molto belle e, lasciando immaginare l'assenza della primitiva funzione dei bastioni, ti portano proprio verso la domanda che hai formulato...
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la luce, in Portogallo, ha qualcosa di magico che non so esattamente spiegarti. Ti manderò qualche foto per mail (cosa che avevo già promesso, me ne ero dimenticata)

      Elimina

 

festaslisboa'18

festaslisboa'18
concurso sardinhas

Geografie Blogganti

Bloggando geografie, giallisti, librerie e biblioteche

Alentej-ando (19) Book Bar & Book Hotel (3) Ciak si libra (37) Dizionario Scrittorio (1) Dizionario Viatorio (25) Ebdomada Enigmista (11) Élmer Mendoza (1) Elvira Sellerio (1) Flash word-post (1) Geo Arabia Saudita (1) Geo Argentina (2) Geo Australia (2) Geo Austria (3) Geo Belgio (7) Geo Brasile (18) Geo Cambogia (1) Geo Canada (1) Geo Cile (3) Geo Cina (14) Geo Colombia (2) Geo Corea del Sud (8) Geo Egitto (4) Geo Finlandia (3) Geo Francia (10) Geo Germania (9) Geo Giappone (8) Geo Gran Bretagna (8) Geo Grecia (2) Geo Hong Kong (13) Geo India (6) Geo Indonesia (2) Geo Iran (3) Geo Irlanda del Nord (1) Geo Islanda (4) Geo Israele (4) Geo Italia (37) Geo Lettonia (1) Geo Malesia (1) Geo Medio Oriente (1) Geo Messico (1) Geo Mongolia (1) Geo Nepal (1) Geo Norvegia (2) Geo Olanda (4) Geo Portogallo (35) Geo Russia (2) GEO Sao Tomè e Principe (1) Geo Singapore (4) Geo Siria (1) Geo Slovacchia (1) Geo Spagna (18) Geo Stati Uniti (11) Geo Svezia (1) Geo Taiwan (4) Geo Thailandia (3) Geo Turchia (6) Geo Uruguay (1) GGG come Gatti Gialli e Geografie (7) Giallisti algerini (1) Giallisti americani (13) Giallisti arabi (1) Giallisti argentini (7) Giallisti australiani (1) Giallisti belgi (7) Giallisti brasiliani (10) Giallisti britannici (22) Giallisti cileni (2) Giallisti cinesi (5) Giallisti cingalesi (2) Giallisti colombiani (1) Giallisti coreani (2) Giallisti cubani (2) Giallisti danesi (4) Giallisti egiziani (1) Giallisti francesi (24) Giallisti giapponesi (4) Giallisti greci (6) Giallisti Hong Kong (1) Giallisti indiani (9) Giallisti iraniani (1) Giallisti islandesi (5) Giallisti israeliani (4) Giallisti italiani (60) Giallisti malesi (1) Giallisti messicani (3) Giallisti nordirlandesi (1) Giallisti norvegesi (2) Giallisti olandesi (1) Giallisti peruviani (2) Giallisti portoghesi (13) Giallisti spagnoli (23) Giallisti svedesi (8) Giallisti svizzeri (3) Giallisti tedeschi (13) Giallisti turchi (5) Giallisti vietnamiti (1) Graphic Novel (32) I HAVE A DREAM... (1) Liberamente libr-ato (2) Librerie e Biblioteche (129) MEMO (77) No Comment (67) Post-on-demand (1) Scrittori africani (1) Scrittori americani (1) scrittori argentini (1) Scrittori brasiliani (1) Scrittori inglesi (2) Scrittori islandesi (1) Scrittori italiani (2) Scrittori messicani (1) Scrittori olandesi (1) Scrittori statunitensi (1) Scrittori sudafricani (2) Statuae manent (20) Sud Africa (1) Sunshine Award (1) Vademecum Autore-vole (2) Venezia (8) Viviane Hamy (1)

Geo-lettori im-pazienti

Follow by Email

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.