La modalità "ON" di Ben McNally Books


(Nali and Ben - 2012)

Molte volte è capitato alla viaggiatrice di assistere indirettamente a scatti curiosi di foto di matrimoni, come quello in modalità "cogli l'attimo" di due allegri sposini giappponesi davanti all'improvviso getto di un geiser a Reykjavik e in modalità "cogli il contrasto" di una manga-sposa giapponese con un palestrato surfer australiano a Bondi Beach (non essendo ancora arrivata l'epoca-selfie, era il novello coniuge a fotograre).
Ancora le mancava però la modalità "matrimONio in libreria" come questa della coppia sposatasi all'interno della Ben McNally Books a Toronto.




Sita nel distretto finanziario della città canadese, l'ambiente sorprende appena si varca l'entrata abbastanza minimalista, contrastante con i suoi interni, degni della biblioteca di un castello.



Qui, pareti e scaffali in legno sono distribuiti su 760 metri quadrati di ampi spazi, 


illuminati da antichi lampadari 


che inducono a sollevare lo sguardo alle decorazioni floreali del soffitto


con rimandi alle pareti in legno 
 


e in cui i frequentatori possono muoversi agevolmente per consultare i libri, in un'atmosfera rilassante
 



La libreria porta il nome del suo proprietario, Ben McNally (a fianco) con idee ben chiare sull'attività di libraio, vista la sua ultraquarantennale esperienza, e della libreria.  

Studioso di Inglese all'università, (ciò gli permetteva aver molto tempo a disposizione per leggere), McNally si considerava un self-proclaimed hippy, e per molto tempo si rifiutò di fare un lavoro qualsiasi: voleva lavorare in una libreria. Le necessità economiche lo costrinsero però a quindici pigri anni in un parcheggio, prima di coronare il suo sogno, entrando nella Nicholas Hoare Books, divenendone poi il direttore, prima di aprire la sua nel settembre del 2007.

Un'attività in modalità ON o come dice lui: una professione ONorevole che incoraggia la gente ad allargare i loro orizzonti; come pure quella della sua creatura che, senza essere specializzata in generi particolari, ruota attorno a "the good ONes", cioè a quei libri con belle copertine che i lettori tengono nelle loro librerie per lungo tempo, siano essi saggi, libri storici o romanzi. 


L'insegna posta sulla porta esterna d'ingresso recita: "Read the fine print", una specie di mONito per questo insolito maître à penser:

"Volevo una libreria che fosse il riflesso dei miei clienti che sono intelligenti, sofisticati e benestanti; penso che la libreria rifletta questo."

"Preferisco avere un libro che venda una copia che nessun altro vende, piuttosto che avere molti best sellers che si trovano dappertutto. Ecco per cosa si distingue la mia libreria e perché la gente viene qui.”  

 Una libreria dove si potrebbe incontrare il Primo Ministro canadese, che qui fu intervistato nel 2012 all'uscita del suo libro, Common Ground (foto qui) e dove, più di recente, si è riconfermata la modalità "matrimONio".

(Seema e Brent - Settembre 2017)


Per la cronaca di geografia politica ON sta per Ontario
La modalità del titolo è quindi più che giustificata.


Ben McNally Books
366 Bay Street
Toronto, ON M5H 4B2




6 geo-commenti:

  1. "McNally si considerava un self-proclaimed hippy, e per molto tempo si rifiutò di fare un lavoro qualsiasi". Dev'esser questo il mio problema: perseverare in un lavoro che non mi appartiene. Meglio non tornare sull'argomento.
    Tu neanche immagini quante coppie di giovani giapponesi ho visto in abito nuziale nella romantica Praga. Sul Ponte Carlo, nei giardini del Castello, tra i vicoli del quartiere di Mala Strana. Tutte caratterizzate dalla stessa espressione infinitamente triste. Se fosse stato possibile scattare foto nella biblioteca del Klementinum, sono certa che li avrei incontrati anche lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che quando ho letto di questo suo status, ho pensato cinicamente che forse era l'ennesimo tassello dell'American Dream, poi, riflettendoci un po' di più, ho trovato che aveva qualcosa in comune con Montroni. Al primo Montroni, per meglio dire, perché successivamente hanno intrapreso vite professionali diverse.

      Elimina
  2. Intestardirsi paga... se le idee sono buONe!:-)
    Felice domenica, gemellina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragiONe!
      Buona domenica anche a te, gemellina!

      Elimina

 

Geo-lettori im-pazienti

Geografando in fb

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.