HEYWORD HILL - AVERE UNA LIBRERIA NON E' UN'IDEA ...PEREGRINE

 


Non è certo da tutti ritrovarsi in una targhetta blu più alto-locata di quella che designa il riconoscimento di fornitore ufficiale di Sua Maestà la Regina Elisabetta II.  

Eppure ciò accade ed è visibile al numero 10 a Londra. Non presso quel civico politicamente famoso, anche se per molti frequentatori questo, che si trova in Curzon Street, a Mayfair, uno dei quartieri più eleganti della capitale È il vero numero dieci.



Qui si trova Heywood Hill Ltd, fondata il 3 Agosto del 1936 da George Heyword Hill con l'aiuto di Lady Anne Gathorne-Hardy, che in seguito diventerà sua moglie.  

Nei due piani della libreria in una palazzina in stile georgiano, le stanze che ospitano i libri sui tavoli sono illuminate da lampadari e sembrano salotti più che ambienti di un bookshop. 

Eppure, malgrado l'atmosfera così familiare che ricorda un circolo privato, i clienti abituali la chiamano proprio The Shop.




 

Negli anni Quaranta, Evelyn Waugh la descrisse come il centro per tutto quel che è rimasto della Londra mondana e intellettuale e nel ricevere alcuni libri che provenivano da lì, non mancò di sottolineare la bellezza del pacchetto in una lettera nel maggio del 1942


Come molte cose per cui la Gran Bretagna mantiene inalterate le sue tradizioni, si ritiene che la confezione si presentasse più o meno come quelle odierne.


La lettera
era indirizzata a chi gli aveva inviato i libri, la sua grande amica, Nancy Mitford che lavorò a Heywood Hill dal 1942, (qui ritratta con Anne, in primo piano). 

A chi il cognome Mitford non dice nulla, si dirà che Nancy apparteneva a una famiglia aristocratica inglese, la cui storia per intrecci, colpi di scena e quant'altro, potrebbe competere con la serie televisiva The Crown (e addirittura sfidarla per numero di episodi). 

Le Mitford erano sei sorelle e un fratello, Tom. 

La loro biografia è stata pubblicata in Italia da Neri Pozza (link qui), ma alcune di loro, fra cui la stessa Nancy, divennero scrittrici.


Ora, quella di un'aristocratica che decide di lavorare in una libreria si potrebbe definire un'idea peregrina, ma queste erano le Mitford, erano altri tempi, erano inglesi e, si leggerà, non era l'unica peregrine (e questo non è un refuso).


...continua, of course!

 


 


2 geo-commenti:

  1. Se una nobile si mette a lavorare non lo fa certo per rinobilitarsi,
    quindi non è vero che il lavoro nobilita, semmai fà campare.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragionamento che non fa una piega, anche se, nel suo caso, è servito per "nobilitarla" come scrittrice.
      Buon inizio settimana

      Elimina

 

Geografie...ingiallite

Geografie...ingiallite
nela.san on Instagram

Geografie Blogganti

Bloggando geografie, giallisti, librerie e biblioteche

#picoftheday (28) #Venturiniani (2) Alentej-ando (35) Book Bar & Book Hotel (3) Ciak si libra (37) Dizionario Scrittorio (1) Dizionario Viatorio (33) Ebdomada Enigmista (11) Elefante-elephant-हाथी-ช้าง-ゾウ (10) Élmer Mendoza (1) Elvira Sellerio (1) Flash word-post (1) Geo Arabia Saudita (1) Geo Argentina (3) Geo Australia (2) Geo Austria (3) Geo Belgio (7) Geo Brasile (19) Geo Cambogia (1) Geo Canada (3) Geo Cile (3) Geo Cina (15) Geo Colombia (2) Geo Corea del Sud (10) Geo Danimarca (1) Geo Egitto (4) Geo Finlandia (3) Geo Francia (10) Geo Germania (9) Geo Giappone (10) Geo Gran Bretagna (13) Geo Grecia (2) Geo Hong Kong (20) Geo India (7) Geo Indonesia (2) Geo Iran (3) Geo Irlanda del Nord (1) Geo Islanda (6) Geo Israele (4) Geo Italia (52) Geo Lettonia (1) Geo Malesia (1) Geo Medio Oriente (1) Geo Messico (1) Geo Mongolia (1) Geo Nepal (1) Geo Norvegia (2) Geo Olanda (4) Geo Portogallo (52) Geo Russia (3) GEO Sao Tomè e Principe (1) Geo Scozia (2) Geo Singapore (4) Geo Siria (1) Geo Slovacchia (1) Geo Spagna (21) Geo Stati Uniti (13) Geo Svezia (1) Geo Taiwan (4) Geo Thailandia (3) Geo Turchia (6) Geo Uruguay (1) Geo Vietnam (1) GGG come Gatti Gialli e Geografie (7) Giallisti algerini (1) Giallisti americani (13) Giallisti arabi (1) Giallisti argentini (8) Giallisti australiani (1) Giallisti belgi (7) Giallisti brasiliani (10) Giallisti britannici (24) Giallisti canadesi (1) Giallisti cileni (2) Giallisti cinesi (5) Giallisti cingalesi (2) Giallisti colombiani (1) Giallisti coreani (2) Giallisti cubani (2) Giallisti danesi (4) Giallisti egiziani (1) Giallisti francesi (25) Giallisti giapponesi (4) Giallisti greci (6) Giallisti Hong Kong (2) Giallisti indiani (9) Giallisti iraniani (1) Giallisti islandesi (5) Giallisti israeliani (4) Giallisti italiani (64) Giallisti malesi (1) Giallisti messicani (3) Giallisti nordirlandesi (1) Giallisti norvegesi (2) Giallisti olandesi (1) Giallisti peruviani (2) Giallisti portoghesi (14) Giallisti spagnoli (23) Giallisti svedesi (8) Giallisti svizzeri (3) Giallisti tedeschi (13) Giallisti turchi (5) Giallisti vietnamiti (1) Graphic Novel (32) I HAVE A DREAM... (1) InviaggioconWolfango (2) Liberamente libr-ato (5) Librerie e Biblioteche (165) MEMO (79) Memória de Elefante (16) No Comment (67) Post-on-demand (1) Scrittori africani (1) Scrittori americani (1) scrittori argentini (1) Scrittori brasiliani (1) Scrittori inglesi (2) Scrittori islandesi (2) Scrittori italiani (3) Scrittori messicani (1) Scrittori olandesi (1) Scrittori portoghesi (1) Scrittori russi (2) Scrittori statunitensi (1) Scrittori sudafricani (2) Scrittrici-e-Geografie (2) Statuae manent (20) Sud Africa (1) Sunshine Award (1) Vademecum Autore-vole (2) Venezia (18) Viaggiar-leggendo (7) Viviane Hamy (1)

Geo-lettori im-pazienti

Follow by Email

BIBLIO-GEOGRAFIA DI NELA SAN

Viaggiatrice Giallamente Ferrata (definizione di Baba Talpa), portoghese dentro, ammalata di ... lusitanitudine, in viaggio fra pagine di libri gialli, scaffali di librerie e biblioteche e altri mondi.

Parla: tedesco per scelta, inglese per necessità, francese per coercizione, portoghese per amore. In tutti gli altri momenti italiano.

Geo-MEMO

I testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva del mio blog" gialli-e-geografie " e tutelati dalla legge sul diritto d'autore n.633/41 e successive modifiche.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.